CronacaPrimo Piano

Istituto Zootecnico, consulenze sospette

Un incarico ad personam per l’avvocato Anna Maria Crosta, figlia di Felice, superburocrate regionale record man delle pensioni d’oro.

A decidere la consulenza una delibera, la n.4 del 21 febbraio 2014, firmata dall’ex commissario ad acta dell’Istituto sperimentale zootecnico per la Sicilia (Isz), Giuseppe Cipriani (già due volte sindaco Pd di Corleone), attraverso la quale Cipriani incarica il direttore dell’ente Antonio Console, Rup del progetto IspeMi, di “affidare le attività di assistenza nella redazione dei contratti che si renderà necessario stipulare per la realizzazione dell’intervento finanziato nonché le attività di consulenza e assistenza giuridico- amministrativa di supporto al Rup […]”. E la scelta dell’ “Incarico di supporto tecnico- legale al Responsabile del Procedimento relativo all’attività di potenziamento del progetto IspeMi” (Istituto sperimentazione preclinica e Molecular imaging) è ricaduta sull’avvocato Crosta.

Un compenso da trentamila euro a base di gara, pagata con i fondi del Pon ricerca e competitività, Asse I del 2011. Gara di cui non c’è alcuna evidenza pubblica sul sito dell’ente, dove per altro non risulta neanche il nome del/della beneficiario/a dell’incarico, e questo in barba alla normativa vigente sulla trasparenza, la 33/2013 che, all’articolo 15, impone alle “ pubbliche amministrazioni di pubblicare ed aggiornare le informazioni relative ai titolari di incarichi amministrativi di vertice e di incarichi dirigenziali, a qualsiasi titolo conferiti, nonché di collaborazione o consulenza”.

Secondo il direttore, la selezione dei candidati è stata svolta sulla base di cinque preventivi richiesti ad altrettanti avvocati del foro di Palermo, secondo un criterio fiduciario e/o a caso.

Incalzato da Il Moderatore Console ha risposto che la scelta è ricaduta sulla professionista in quanto il suo profilo corrispondeva ai criteri prefissati, ma ad oggi non più consultabili poichè non ci sarebbe spazio nel sito dell’Istituto.

“Si è dovuto procedere con l’intuitus personae perché in Istituto non c’era personale specializzato in temi legali – ha dichiarato Console– ed abbiamo scelto l’avvocato Crosta perché ha presentato un ribasso maggiore. Ma, allo stato attuale, non abbiamo firmato ancora alcun contratto. E’ un incarico fiduciario diretto- ha proseguito- che al momento è in stand by per via delle diverse emergenze che abbiamo dovuto fronteggiare (i roghi dei giorni scorsi che hanno interessato l’istituto, ndr). Trattandosi di fondi comunitari si seguono delle procedure particolari, e molte cose le posso fare io in qualità di rup. Abbiamo aperto un cig, quindi l’Autorità di vigilanza per gli appalti pubblici verifica…Sono stati richiesti cinque preventivi- prosegue Console- ad altrettanti professionisti esperti, estrapolati dall’albo del foro di Palermo”.

Li avete scelti a caso? Chiediamo al direttore .

“Sì, anche rispetto a quelli che sapevamo avevano più attinenza con questo tipo di lavoro, visto che ci devono garantire un servizio”.

Singolare che fra i 5.000 avvocati presenti nel capoluogo siciliano, e fra i cinque preventivi presentati sia stata selezionata giusto la figlia dell’ex superburocrate.

“La nostra è stata una richiesta informale, ed abbiamo scelto Anna Maria Crosta, che ha i requisiti che richiedevamo: esperta di atti pubblici”.

Sul conferimento diretto dell’incarico professionale è intervenuto il Consiglio di Stato che,  operando una distinzione tra gli incarichi professionali, specifica che nella nozione “servizi giuridici” di cui parla il codice degli appalti e a cui va applicata la procedura concorsuale, rientra l’attività di consulenza giuridica “caratterizzata dalla sussistenza di una specifica organizzazione, dalla complessità dell’oggetto e dalla predeterminazione della durata”.

Orientamento confermato due giorni fa dal Tar della Campania, che ha ritenuto illegittimo il conferimento dell’incarico per servizi legali non preceduto da evidenza pubblica, a prescindere degli importi.

Marina Pupella

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button