Cinema-Teatro-MusicaPrimo Piano

Il violinista palermitano Obisto torna al Massimo. Dirige George Pehlivanian

Pehlivanian

Il Festival Mozart-Strauss organizzato dal Teatro Massimo all’interno della propria Stagione Sinfonica prosegue stasera sabato 12 aprile alle ore 20:30 con il terzo appuntamento concertistico che prevede sul podio dell’Orchestra del Massimo ancora una volta George Pehlivanian, con il Coro e il Coro di voci bianche diretti da Piero Monti e Salvatore Punturo e come solista ospite il giovanissimo violinista palermitano Andrea Obiso che torna sul palcoscenico del Massimo dopo l’acclamato debutto nel dicembre del 2012.

In apertura l’Orchestra e il Coro saranno impegnati in una rara pagina di Richard Strauss, il Wandrers Sturmlied (“Canto del viandante nella tempesta”) op. 14 composto nel 1884 intonando i primi 38 versi dei 116 scritti da Goethe con questo titolo. Quindi una famosa pagina mozartiana, l’Ave verum K. 618 (con intervento del Coro e del Coro di voci bianche).

Il programma prosegue quindi nel segno di Richard Strauss con due poemi sinfonici Don Juan op. 20 (1889) e Tod und Verklärung op. 24 (1890) che circondano un’altra rara pagina del compositore monacense, il Concerto per violino in Re minore op. 8 solista Andrea Obiso che, per l’occasione, ha approfondito la conoscenza di questo pezzo con il suo maestro Boris Belkin che ne è uno dei più assidui esecutori, nonché interprete discografico di riferimento.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button