Cronaca

Il Tribunale di Palermo conferma i 14 licenziamenti disposti dalla Rap

La Corte di Appello di Palermo con sentenza n. 1044/2015 del 4 giugno 2015 ha riformato la sentenza n. 484/2015 pronunciata dal Tribunale di Palermo lo scorso 25 febbraio 2015, rigettando l’impugnazione proposta dal dipendente Rap R.G. contro il licenziamento intimato per avere sottratto, in concorso con altri dipendenti, carburante aziendale.

La Corte ha stabilito che la condotta di: “Colui che, avendone il dovere per la posizione/qualifica rivestita nel dinamismo causale dei fatti, ha l’obbligo giuridico di impedire l’evento. Nella fattispecie in esame, era pacifico che l’ex dipendente era tenuto alla custodia dell’impianto di distribuzione carburante e dell’integrità e conservazione dei mezzi e del materiale in dotazione” .

E’ stata, altresì, stabilita la condanna al pagamento, a suo carico, delle spese processuali dei due gradi di giudizio per 6.000 euro complessivi.

“La Rap esprime soddisfazione per l’esito del giudizio confermando la condotta di rigore posta in essere avverso i comportamenti delittuosi perpetrati in danno alla società medesima”.

A tal proposito si ricorda che l’azienda ha anche definito 14 procedimenti disciplinari che sono scaturiti dalle stesse indagini ( furto di carburante) effettuate dalla polizia di stato (commissariato di Brancaccio), tra dicembre 2013  e l’’aprile  2015, che si sono tutti conclusi con la massima sanzione espulsiva (licenziamento).

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: