CronacaL'Editoriale del DirettorePrimo Piano

Il silenzio di Mattarella: quando c’è da parlare sta zitto e parla quando dovrebbe stare zitto

Quella di Mattarella é  una tipica storia di politico italiano e atipica da Presidente della Repubblica.

Sergio Mattarella, palermitano del 1941,  è un politico, giurista, accademico e avvocato. Dal 1983 al 2008 è stato deputato, prima per la Democrazia Cristiana e poi per il Partito Popolare Italiano, e ancora La Margherita e per ultimo il Partito Democratico con tanto di tessera rossa, certamente un vero uomo di sinistra di cui mai s’è  scrollato l’appartenenza, nemmeno quando nel 2015 divenne il 12° Presidente della Repubblica Italiana. Lo si avverte e lo trasmette incosciamente.

Sergio ha avuto un GRANDE fratello, Piersanti, ucciso dalla mafia, come tantissimi altri GRANDI UOMINI di questa Sicilia. I parenti di questi eroi  hanno goduto e subíto la devastante forza, stima e rispetto  che questi straordinari uomini e donne avevavo nei diversi ruoli e ambiti di appartenenza.

La scelta di Mattarella a Presidente fu subito apprezzata da tutti, non solo dalla politica, ma ancora di piu dal popolo italiano e, manco a dirlo, dai palermitani tutti.  Pensate voi quanto orgoglio per noi meridionali potesse significare avere un proprio concittadino a capo della Repubblica. Un faro enorme  acceso sulla città dei morti ammazzati per mafia di cui Sergio é  testimonianaza vivente. Un vero e proprio riscatto sociale.

Da quel giorno ad oggi sono passati quasi 4 anni e quella popolorita di cui godeva  Mattarella via via é  andata a scemare come in quei vecchi dischi dove il finale si lasciava sfumare  perché non si aveva proprio un finale. Ecco questo é  cio che temiamo stia succedendo.

Un finale di mandato quello di Sergio degli iitaliani che ha il gusto dell’amaro in bocca.

Certamente non sarà  ricordato come il Presidente delle decisioni e delle prese di posizione, ma del silenzio e delle commemorazioni. Un tizio, per fare un esempio educato,   ha postato sui facebook: “non se ne perde una” alludendo alla commemorazioni…e altre che per rispetto all’uomo e allistituzione che rappresenta non riportiamo. Ma al peggio non c’è  mai fine…infatti nessuno di noi poteva immaginare che un giorno avremmo vissuto una cosi brutta  esperienza: una pandemia.   La causa delle cause di tutti noi e pure dello stesso Mattarella è  proprio il maledetto virus che nessuna si aspettava, men di meno le Istituzioni e  la politica tutta.

Il momento di crisi si andava man mano ampificando e sempre piu correva un sentimento comune nei confronti del Governo che ha gestito male la pandemia sia in termini di salute pubblica che per la salute economica  e di  conseguenza nei confronti di Mattarella. Troppo silenzio, zero parole e zero azioni. Nemmeno una presa di posizione diretta  ai cittadini per dare loro conforto e fiducia. Nulla. Solo silenzio, anni di silenzio. Nemmeno nelle recenti storie di scarcerazioni di importanti mafiosi o alle  vergognose vicende del CSM e magistratura hanno fatto aprir bocca a Mattarella. E non ultima, altro silenzio per la vicenda del sequestro dei nostri pescatori in Libia, lasciando in mano la trattativa a ministri ragazzini (per dirla pulita)  che non godono di nessun rispetto dai capi di quesi paesi.

Oggi, per completare il quadro riassuntivo, su facebook, é  apparso un articolo intervista di Mattarella realizzata da Rai News, di cui il titolo “Mattarella: siamo in una crisi profonda, il risparmio può concorrere a ripartenza.

Un vero preludio che ci prepara ad un grande concerto di musiche da funerale. Ovvero prepariamoci a subire prelevi forzati da parte dello Stato per la ripartenza.

Ecco, questa è  stata una di quelle poche volte dove Mattarella parlando ci ha fatto rimpiangere il suo silenzio.

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button