Cronaca

Il fratello di Balotelli agli arresti domiciliari

Enock Barwuah (foto internet)

Quando si dice che la genetica non mente! Se SuperMario è stato protagonista di tanti teatrini che hanno fatto discutere, con o senza la neo mamma Raffaella Fico, questa volta ruba la scena suo fratello Enock Barwuah. Il ragazzo, appena ventenne, sarà oggi processato per direttissima per aver aggredito due carabinieri, che hanno riportato ferite guaribili in circa quindici giorni.

Enock Barwuah non è stato adottato come è avvenuto per il fratello Mario Balotelli, adesso attaccante del Manchester City e della Nazionale italiana. Adesso si ritrova agli arresti domiciliari a casa di una zia, accusato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Tutto ciò sembra essere avvenuto all’interno di un locale di Bagnolo Mella (Brescia) dove il ragazzo si trovava con amici e la sorella Abigail (ex concorrente dell’Isola dei famosi). Dopo una rissa scoppiata dentro il locale, tale da lasciare Enock Barwuah senza scarpe e a torso nudo, sono giunti nel luogo i carabinieri per sedare il caos che si era creato. Al loro arrivo il giovane ha picchiato le forze dell’ordine e si è pure scagliato contro l’auto di servizio prendendola a calci e pugni. Per completare la serata, infine, è stato necessario l’intervento di un ambulanza per un malore avuto dalla sorella Abigail.

Enock Barwuah, che è attualmente una promessa del calcio, ha dichiarato “mi sono trovato in difficoltà per colpa di altri. Poi ho compiuto un’ingenuità. Ma non avevo bevuto”. In ogni caso avrà modo di dare le sue spiegazioni dinanzi a un giudice. Il ragazzo che ha prima seguito il fratello in Inghilterra giocando qualche partita nello Stoke City e nel Salford City, adesso fa parte del Bogliasco (serie D).

“Questa storia ci ha sorpreso – dice l’allenatore della squadra Pagliuca – perché noi conosciamo Enock come un ragazzo eccezionale, educato, rispettoso verso tutti, compagni e dirigenti”.

Questa volta quindi l’allievo Enock Barwuah supera il maestro Mario Balotelli, tirando un colpo secco! Ma non in porta, contro i carabinieri!

Alessandro Quartararo 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button