CronacaLavoroPrimo Piano

I fratelli Karaouli dalla Tunisia alla Sicilia per inseguire il sogno di fare impresa  

Dalla Tunisia alla Sicilia, è il sogno dei fratelli Karaouli ovvero Amira, Asma e Mohamed Bechir che si sono innamorati dell’Italia e soprattutto della Sicilia dove hanno deciso di fondare la loro azienda specializzata nel settore medico e cosmetico, con il proprio marchio che hanno appena lanciato con produzione 100 per cento italiana.
Oggi ci svelano il dietro le quinte della realizzazione del loro sogno e le diverse sfide che hanno incontrato.
Quando siete venuti per la prima volta in Sicilia?
Asma aveva già iniziato a lavorare sulla formula dal 2019 e noi cercavamo il posto giusto per realizzare le sue idee, nel frattempo nostro padre ci ha messo in contatto con un suo amico, il signor Giuseppe Trua, che ha giocato un ruolo molto importante nella nostra decisione di costituire l’azienda in Italia, da qui la nostra prima visita a Palermo nel novembre 2020 per la creazione dell’azienda.
Avete incontrato difficoltà ad entrare nel mercato siciliano?
Abbiamo appena lanciato il nostro marchio, quindi è un lavoro completo 7 giorni su 7 dal punto di vista logistico, del marketing, gestionale, di produzione e sviluppo dei prodotti. Inoltre siamo stati impegnati nella presentazione di un nuovo prodotto sul mercato, era come se fossimo in una sfida permanente, tuttavia ogni fase del processo era speciale e magica. Ora ci stiamo dedicando all’aspetto pubblicitario e contemporaneamente a mettere in commercio i nostri prodotti di bellezza.
Quali sono i vostri progetti per il futuro, rimarrete stabilmente in Sicilia?
Abbiamo grandi progetti  lavorativi per Kara Pharma Cosmetics, Asma sta lavorando a nuove formule e miriamo a sviluppare anche l’azienda.
Stabilirsi in Sicilia… siamo davvero tentati, qui ci sentiamo come a casa.
Avete scelto quattro prodotti per lanciare il marchio kara kare, perché?
L’idea base è ”The Essentials” ovvero ”trattamento e prevenzione”, ogni donna ha bisogno di sentirsi bella e sicura di sé senza trucco o camouflage e per questo non abbiamo bisogno di usare molti prodotti.
Che consiglio date alle donne che vogliono diventare imprenditrici e che magari provengono da altri paesi come voi?
Ogni inizio è difficile ma se credi in te stesso e nei tuoi sogni, e soprattutto ti circondi di persone che ti fanno evolvere, tutto è possibile. Se all’inizio non funziona non significa che non funzionerà in futuro: perseveranza e pazienza sono le chiavi del successo, non è questione di fortuna ma di lavoro continuo.

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com