“I cani vanno abbattuti”, il web contro il direttore di Messina Oggi

Cane randagio (foto di Harvest Breeding: http://www.flickr.com/photos/giusibarbiani/)

Al bando gli animalisti. I cani vanno abbattuti“. Sta destando molto scalpore l’articolo pubblicato dal direttore Davide Gambale nel suo quotidiano online “Messina Oggi“, dove ha denunciato decisamente sopra le righe la presenza dei randagi in città, incitando alla loro soppressione. Non sono mancati i commenti di lettori e cronisti, ma soprattutto del Partito Animalista Europeo, che ha subito denunciato l’accaduto, presentando querela alla Procura della Repubblica di Messina.

Resto sorpreso nel vedere tanta insensibilità, ignoranza, incapacità e scarsa professionalità ad opera di un giornalista che non solo non conosce la legge, ma istiga addirittura i cittadino ad infrangerla”, ha dichiarato Enrico Rizzi, in qualità di coordinatore nazionale del Pae. Le affermazioni ingiuriose del cronista messinese sono state sottoposte al vaglio del presidente dell’Ordine del giornalisti, Enzo Iacopino.

Numerosi i lettori che sono insorti contro la testata messinese: “Non ci sono parole. Che ci sia ancora tanta inciviltà da far ipotizzare una scelta come questa invece della lotta al randagismo che dovrebbe essere attuata per legge in ogni paese civile. Ma probabilmente qui non si tratta di persone civili”, ha affermato Monica Polonelli nella lettera indirizzata alla testata online “Stretto web”.

Ricordiamo, a proposito di questa amara faccenda, la legge 189/2004 che punisce con la reclusione fino a due anni chiunque cagiona senza alcuna necessità la morte ad un animale: sì al diritto di esprimersi liberamente ma bisogna evitare assolutamente questi anatemi assurdi e pericolosi.

Federica Raccuglia

Exit mobile version