Primo Piano

Hotel delle Palme di Palermo, il fotoracconto di Scalia e Polizzotto

Il fantasma del lusso si aggira tra le stanze dell’Hotel delle Palme di Palermo, minacciato dallo spettro della crisi. È la trama dello shooting set ideato dal creativo Stefano Scalia di Fashion in Italy communication e dal fotografo Giuseppe Polizzotto di Photo Effect Night in collaborazione con Fausto Schiavo.

Un set artistico per rievocare i fasti dell’albergo che visse il suo apice di splendore nella Belle Epoque e che, nel suo secolo di storia, ha raccontato i costumi e la mondanità del Capoluogo, teatro di aneddoti e di misteri. Un racconto fotografico, presentato nei giorni scorsi al Moj Blanco di via Di Marzo, per celebrare una memoria ma anche per promuovere marchi e stilisti locali, attraverso l’ostentazione della bellezza e della qualità, componente fondamentale, meta e obiettivo di qualsiasi processo creativo.

«Fashion Luxury è un progetto legato alla moda e alla fotografia, celebrata attraverso il controllo del particolare, del dettaglio significativo e delle finiture» spiega Scalia. «Uno shooting dove il sogno è realtà ed il lusso è tentazione. Un modo prezioso ed elegante per rendere omaggio alla bellezza femminile» aggiunge Polizzotto.

La trama del racconto fotografico

 

L’eterea e bionda modella moldava Marion Adam nella storia ambientata nei luoghi più rappresentativi dell’albergo, la scalinata della hall, la specchiera in oro, la sala azzurra e quella degli specchi, interpreta la tentatrice Luxury, una presenza dai tratti onirici che seduce una distinta e posata signora “bene”, la polacca Renata Kurek, convertendola al lusso. Negli scatti i gioielli a cinque cifre, selezionati dal marchio storico Matranga, gli abiti d’alta moda delle palermitane Ida Andriolo e Mariella Bellotta, la statua neoclassica di Zefiro e della ninfa Cloride e gli altri decori dell’Hotel et des Palmes, ma anche auto di lusso come Limousine, Porsche e Maserati di Fil.Pio Cars, massaggi e bolle di sapone nella spa di Anima & Corpo, nonché champagne e ostriche, da Moj Blanco. Sono i simboli di un lusso vituperato come eccesso, in periodi di generale benessere, ma idealizzato come un’isola felice a cui far ritorno, in momenti in cui l’economica fa intravedere scenari negativi per troppi. Insieme alle protagoniste anche il gatto Charlotte, un elegante certosino grigio di 7 mesi con indosso un collare di diamanti a tre fili da 9 mila euro.

I dettagli moda: gioielli e abiti

«In tempo di crisi i gioielli si devono vedere» afferma Gegè Serafini Matranga, della gioielleria di via Ruggero Settimo, a Palermo che, per rappresentare il lusso, ha scelto diamanti bianchissimi su oro bianco o platino e perle. Tra i preziosi una perla australiana di 19 mm con contorno di brillanti bianco extra, collane lunghe fino all’ombelico, 65-70 cm, con perle rigorosamente scaramazze provenienti da coltivazioni dei Mari del Sud, pendenti in onice, in stile déco, sormontati da una corona di brillanti e una croce, remake di un classico italiano, con 45 diamanti da 30 punti, in totale 14 carati, “F” color, puri alla lente e un valore complessivo di 50 mila euroIda Andriolo e Mariella Bellotta portano in scena abiti lunghi e decolletè dalle atmosfere barocche, con tessuti pregiati, crêpe marocain e broccati di seta, applicazioni con perle, oro e strass, bottoni gioiello e capospalla in pelliccia. Color carne e interamente in merletto, con perfili in paillettes, il pezzo unico in stile Charleston. Dal punto di vista del make up, curato da Elena Xena, colori metallizzati e ciglia finte, con effetto oro per enfatizzare l’effetto fantasma di Marion, mentre colori più caldi e smokey eyes per sottolineare la femminilità “umana” della Kurek. L’hairstylist Antonello Baiamonte ha puntato su chignon alti molto strutturati e costretti, per sottolineare l’eleganza sofisticata degli abiti e del contesto. Fluenti onde e volume per interpretare la parte eterea.

Le modelle

Renata Kurek, modella professionista alta 1,80 m polacca, vive da dodici anni in Italia. Ha girato spot pubblicitari per marchi nazionali come San Pellegrino, Lines, mortadella di Bologna, Ferrero Rocher e Fiat Doblò. Mamma di due gemelli, vive vicino a Milano e ha un marito siciliano. «A me del lusso piace tutto – dice – macchine, gioielli, scarpe e le feste. Della Sicilia, invece amo Barrafranca, in provincia di Enna. E’ anche più della bella e turistica Capo d’Orlando, dove trascorro le vacanze, perchè rappresenta la Sicilia vera, quelle delle strade animate e delle passeggiate in piazza».

Marion Adam, 22 anni, vive nella «nebbiosa città di Rovigo» ma è di origini moldave. «Sono nata a Calarasi, una città così piccola che, forse, non si trova neanche su Google Map». È al suo secondo shooting palermitano ed è la testimonial nazionale del marchio di calzature Pittarello. Studia Giurisprudenza all’università di Ferrara e del lusso predilige i viaggi. «Anche per questo ho scelto il lavoro di modella» conclude.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button