Politica

Giuffrida: “Solidarietà ai dipendenti della Provincia Regionale di Catania domani in protesta a Palermo”

Domani 23 giugno 2015 i lavoratori  della Provincia Regionale di Catania si recheranno in protesta a Palermo, alle ore 10 davanti Palazzo dei Normanni, per richiamare l’attenzione delle istituzioni regionali sulla difficile e paradossale situazione in cui si sono venuti a trovare: pubblici dipendenti, chiamati a svolgere importantissime funzioni per la collettività, ma senza alcuna certezza sul loro futuro lavorativo, non essendo ancora – dopo oltre due anni – definita la riforma dei futuri enti ‘di area vasta’.

Il ridursi delle risorse trasferite dalla Regione, l’incertezza sulla futura collocazione, il protrarsi di commissariamenti che dovevano essere transitori, le ulteriori problematiche relative alle partecipate, sono le principali problematiche che i lavoratori denunceranno alle istituzioni regionali, chiamate a dare una risposta a questioni ormai ineludibili e per troppe volte rinviate.

“La problematica dei lavoratori delle ormai ex Province Regionali deve trovare immediata attenzione da parte del governo e del parlamento regionale” – dichiara l’on. Salvo Giuffrida – “E’ inconcepibile lo stallo su un processo di riforma che sembra essersi arenato, mettendo in questione le prospettive occupazionali di migliaia di persone e la continuità di servizi essenziali per la cittadinanza: dalle strade provinciali all’edilizia scolastica fino alle importanti funzioni in materia di ambiente e gestione del territorio. Uguale attenzione deve essere riservata” – prosegue – “ai lavoratori delle società partecipate dagli stessi enti, che devono essere pienamente tutelati ed inseriti nel disegno di riforma.

E’ indispensabile” – prosegue il deputato catanese –“che la voce dei lavoratori venga ascoltata e che si ritrovi quel buon senso riformatore che sembra essersi perso in due anni di veti incrociati ed incomprensibili alchimie legislative: a dispetto del fatto che la Sicilia sia stata la prima Regione ad avviare il percorso siamo ormai fuori tempo massimo, anche rispetto al termine fissato dalla Legge 56 (Delrio) per istituire i nuovi Consorzi e le Città Metropolitane.  Auspico” – conclude Giuffrida – “che domani stesso i lavoratori di Catania e delle altre Province vengano ricevuti dal Presidente della Regione,  che immediatamente il Governo voglia formalizzare una posizione definitiva sul tema che venga incontro alle giuste istanze manifestate e che il Parlamento siciliano, superando ogni contrapposizione, possa esaminare ed approvare finalmente la tanto attesa riforma che assicuri la modernizzazione del sistema salvaguardando lavoratori e servizi ai cittadini.”

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: