Primo Piano

Gesip, nuova protesta a Palermo

I lavoratori della Gesip, l’azienda di servizi del Comune di Palermo in liquidazione, sono tornati in piazza stamani per chiedere all’amministrazione comunale e al sindaco Leoluca Orlando quale sarà il loro destino dopo l’esaurimento della cassa integrazione in deroga per il periodo compreso tra settembre e dicembre 2012. Alcune centinaia di lavoratori hanno sfilato lungo le vie del centro creando numerosi disagi agli automobilisti, diretti verso la sede del Municipio.

“La cassa integrazione in deroga era un intervento transitorio, concesso in virtù della possibilità di ricollocare fin dai primi giorni di gennaio i lavoratori nella nova società consortile – ha detto Pietro La Torre, segretario generale UilTuCS Uil Sicilia -. Non abbiamo più avuto un’interlocuzione col Comune e le dichiarazioni del sindaco ci sembrano delle belle enunciazioni non supportate adeguatamente da alcuna definizione di merito delle questioni”.

Alcuni giorni fa da Palazzo delle Aquile hanno fatto sapere che il liquidatore della Gesip ha chiesto la copertura degli ammortizzatori sociali per altri quattro mesi.

“Abbiamo necessità che il Comune dica quali siano le sue intenzioni per arrivare agli accordi necessari per salvare realmente i lavoratori. I lavoratori non possono più essere sottoposti a questa indeterminatezza assoluta. Non è escluso – ha concluso Latorre – che si possa avere anche un ruolo nei confronti del Governo nazionale e il ministero del Lavoro, perché crediamo che il Comune da solo non possa affrontare questa criticità”.

(TMNews)

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button