Economia e LavoroFormazionePrimo Piano

Fondo Sociale Europeo: evento annuale, le opportunità per i cittadini siciliani e i racconti dei protagonisti

Appuntamento venerdì 19 febbraio online, tra gli interventi il presidente Musumeci, gli assessori Lagalla e Scavone e rappresentanti della commissione europea

PALERMO – Le opportunità per i cittadini in tema di istruzione, formazione e inclusione sociale, le azioni di contrasto all’emergenza Covid a favore di scuole e famiglie attuate grazie alle risorse del Fondo sociale europeo e alcune testimonianze di buona attuazione del Programma operativo. Sono alcuni dei temi dell’evento annuale 2020 del PO FSE Sicilia 2014-2020, organizzato dalla Regione Siciliana, che si  svolgerà venerdì 19 febbraio a partire dalle ore 9:30 in via telematica. Per partecipare all’evento è necessario registrarsi entro le ore 18 di oggi, mercoledì 17 febbraio, a questo link: http://eventipa.formez.it/node/292953.

L’incontro sarà introdotto dai saluti di Nello Musumeci, Presidente della Regione Siciliana e di Adelina Dos Reis, della Direzione generale per l’occupazione, gli affari sociali e l’inclusione della Commissione Europea. La prima sessione sarà dedicata alle opportunità offerte dal Programma ai cittadini siciliani in tema di istruzione, formazione, inclusione sociale e occupazione: ne parleranno Roberto Lagalla e Antonio Scavone, rispettivamente assessori regionali all’Istruzione e formazione professionale e alla Famiglia, politiche sociali e lavoro, enti attuatori della programmazione FSE in Sicilia e Paola Nicastro, direttore generale dell’Anpal. Al centro della seconda sessione, invece, le azioni di contrasto all’emergenza socio-assistenziale da Covid a favore di scuole e famiglie. Patrizia Valenti, Autorità di gestione del PO FSE Sicilia relazionerà sullo stato di attuazione del Programma e illustrerà le principali iniziative messe in campo a sostegno dell’emergenza socio-assistenziale da Covid. Seguiranno le testimonianze di due sindaci siciliani: Ignazio Abbate, sindaco di Modica e Francesco Sgroi, sindaco di Randazzo, che racconteranno come i Comuni da loro guidati abbiano potuto erogare, a cittadini facenti parte di nuclei familiari in stato di bisogno a causa della pandemia, i voucher spesa per l’acquisto di “beni di prima necessità” finanziati dal Fondo sociale europeo. I dirigenti scolastici dell’Istituto linguistico Cassarà e dell’ICS Mantegna Bonanno di Palermo racconteranno invece come abbiano potuto utilizzare le risorse europee per l’acquisto di tablet e sim per gli studenti delle fasce più deboli a supporto della didattica a distanza. L’ultima sessione dei lavori sarà dedicata alle testimonianze di alcuni dei protagonisti di iniziative attuate grazie alla programmazione comunitaria. Tra gli interventi quelli degli Archinuè di Catania e dei Bliss di Palermo, le due band musicali vincitrici delle selezioni regionali dell’European Social Sound, il concorso nazionale per band emergenti promosso dal Fondo sociale europeo; di Fabio Mazzola, Pro Rettore dell’Università di Palermo che racconterà l’iniziativa dei tirocini nella Pubblica Amministrazione che vede protagonisti un centinaio di laureati siciliani negli uffici regionali grazie al bando dell’Avviso 26 dell’Fse e di Gaetano Minincleri, Presidente regionale dell’Unione Italiana dei ciechi e ipovedenti Sicilia che parlerà dell’esperienza di occupazione inclusiva finanziata dall’Avviso 19. A chiudere i lavori, coordinati da Claudia Salvi, del FormezPA, saranno Paolo Montini, rappresentante della Commissione Europea – DG Occupazione, affari sociali e inclusione e Marianna D’Angelo, coordinamento territoriale e autorità capofila Fse dell’Anpal.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button