PoliticaPrimo Piano

Fondi microimprese. Interrogazione al Ministro Zanonato su Invitalia

La deputata nissena Azzurra Cancelleri ha presentato un’interrogazione parlamentare rivolta al ministro Zanonato per “conoscere se e quali sono i provvedimenti che il Governo intenda adottare nei confronti delle aziende sugli stanziamenti di nuovi fondi all’agenzia Invitalia”; nell’interrogazione si chiede inoltre “di ampliare le agevolazioni previste per le Microimprese anche ad altre tipologie di società come le ditte individuali, società di capitali, cooperative e società a socio unico”.

L’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa (Invitalia) agisce, su mandato del Governo, per accrescere la competitività del Paese e in particolare del Mezzogiorno e per sostenere i settori strategici per lo sviluppo dell’economia. I suoi obiettivi prioritari sono: favorire l’attrazione di investimenti esteri; sostenere l’innovazione e la crescita del sistema produttivo; valorizzare le potenzialità dei territori. Le agevolazioni concesse in materia di «microimpresa» sono rivolte alle persone che intendono avviare un’attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di «società di persone», risultando escluse le ditte individuali, le società di capitali, le cooperative, le società di fatto e le società aventi socio unico; con la legge del 9 agosto 2013 hanno introdotto delle semplificazioni per le «società a responsabilità limitata», facilitando la costituzione delle medesime e riducendo i costi per l’avvio di attività a impresa.

“Quello che non è chiaro- sostiene la deputata Azzurra Cancelleri– è se nella quota del 10 per cento del totale dell’investimento, riservato alle spese di ristrutturazione, siano annoverabili anche le spese sostenute per l’acquisto di pannelli solari, impianti di geotermia e condizionatori”.

“Sarebbe proficuo – continua la deputata– estendere le agevolazioni anche ad altre fattispecie societarie ed in particolar modo alle suddette società a responsabilità limitata. L’Agenzia «Invitalia» – conclude Cancelleri– risulta essere un valido ed efficace strumento di finanziamento alle imprese e di sviluppo dell’economia, utile, altresì, alla ripresa dell’economia nazionale, che quindi va sostenuto ed ampliato.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button