Economia e Lavoro

Fondi europei, puntare sulle piccole opere e sui Comuni

Foto da Internet

«Dare ai Comuni più risorse provenienti dai fondi europei e puntare maggiormente sulle piccole opere per mettere in moto l’economia reale, quella fatta dalle piccole e dalle micro imprese, le uniche rimaste sul territorio siciliano». È quello che chiede Umberto Terenghi, vicepresidente di Pmisicilia.

«In questa fase – sottolinea Terenghi – in cui è necessario far ripartire l’economia e scongiurare il rischio che quelle poche imprese rimaste in Sicilia chiudano per sempre, è opportuno che vengano realizzate tante piccole opere utili, come la manutenzione delle scuole e delle strade, la realizzazione di piccole infrastrutture, la costruzione di alloggi per le categorie in difficoltà. Ed è opportuno che a guidare queste piccole operazioni siano i comuni, soprattutto i più piccoli, che meglio conoscono le reali esigenze del territorio e della gente. Non è il momento di sperperare soldi in grandi opere, a volte di dubbia utilità e di difficile realizzazione. Soprattutto occorre evitare il ripetersi di sistemi come quello “Bertolaso-Anemone” dove l’interesse non risiedeva nella realizzazione delle opere pubbliche, ma nella gestione degli appalti. Inoltre, non è proprio il caso di foraggiare i grandi costruttori che nulla lasciano alla Sicilia in termini di valore aggiunto».

Comunicato Stampa

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button