PoliticaPrimo Piano

Figuccia: “Milioni di euro spesi per il percolato di Bellolampo”.

“Per smaltire il percolato prodotto dalla discarica di Bellolampo, il Comune spende ogni anno milioni di euro, soldi che potrebbero essere risparmiati se fosse completato l’impianto di pre-trattamento nel depuratore di Acqua dei Corsari”. Lo afferma il consigliere comunale di Forza Italia Angelo Figuccia, che prosegue: “Nel tardo pomeriggio di ieri, con procedura di somma urgenza, il sindaco ha emesso l’ordinanza n. 254 del 9 settembre con la quale il Comune assegna 250 mila euro alla Rap perché smaltisca il percolato prodotto a Bellolampo fino al 20 settembre, in pratica 25 mila euro al giorno, sabati e domeniche comprese. Ma quella stanziata ieri è soltanto una minima parte di quanto spende il Comune. Sempre il sindaco, con propria ordinanza n. 19 del 29 gennaio scorso, assegnò altri 800 mila euro alla Rap per lo stesso servizio e, precedentemente, il 26 novembre 2014, con l’ordinanza n. 313, un altro milione e 600 mila euro. Non c’è che dire, un bel gruzzolo, per un servizio comunque indispensabile, ma che potrebbe costare molto meno se Regione, Comune e aziende partecipate, tra cui Rap e Amap, realizzassero finalmente la vasca di pre-trattamento ad Acqua dei Corsari, un impianto con tanto di progetti e fondi stanziati, ma che, per qualche arcano mistero, resta chiuso nei cassetti dei palazzi pubblici.

Non vogliamo pensar male, ma probabilmente a qualcuno non dispiacciono queste ordinanze sindacali, che, va detto, Orlando ha il preciso dovere di emettere soprattutto quando si verificano piogge abbondanti, come appunto ieri. Invece di andare avanti a forza di interventi d’emergenza, non sarebbe il caso che tutti i soggetti interessati – appunto Regione, Comune, Amap, Rap, agenzia dell’ambiente, ecc – si mettessero finalmente attorno ad un tavolo per trovare una soluzione definitiva al problema del percolato? Sicuramente, ad essere loro grati sarebbero i contribuenti palermitani, su cui naturalmente gravano questi altissimi costi finora sostenuti.

In tempo di austerity e di risorse limitate, ogni intervento che farebbe risparmiare le casse pubbliche è sempre benaccetto. A patto, però, che ci sia la voglia e le condizioni per farlo. Forse, basterebbe un po’ di buona volontà in più e tanti sprechi potrebbero essere evitati”.

Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: