Politica

Figuccia: “Il sindaco Orlando non faccia strumentalizzazioni sulle zone franche urbane”

Angelo Figuccia

“Già sei mesi fa – afferma Angelo Figuccia, capogruppo del Partito dei Siciliani-MPA a Sala delle Lapidi – avevo sottolineato l’importanza delle zone franche urbane e avevo suggerito di ampliarne l’applicazione anche al centro storico di Palermo, oltre a Brancaccio e alla zona del porto.

Adesso, con qualche mese di ritardo, finalmente il sindaco Orlando e il presidente della Regione Crocetta hanno accolto la mia segnalazione di adottare anche a Palermo le zone franche urbane, create per la prima volta in Francia nell’ormai lontano 1996. Ma, questo importante mezzo per agevolare lo sviluppo non deve diventare il pretesto per strumentalizzare i 18 milioni di euro che arriveranno grazie alla generosità dell’Europa.

Fondi che potranno sicuramente dare una boccata d’ossigeno alla nostra asfittica economia cittadina, ma che purtroppo non possono diventare la panacea di tutti i mali di cui soffre la città, a cominciare dalle criticità finanziarie delle aziende comunali come Gesip, Amat e Rap o le fogne a cielo aperto in periferia, come io stesso ho denunciato nei giorni scorsi: se impiegati bene e senza sprechi, i 18 milioni saranno appena sufficienti per dare una mano d’aiuto a zone altamente depresse come il quartiere di Brancaccio, dimenticato da anni da tutti, e quella del porto, che, a cominciare dai cantieri navali, ha bisogno di massicci investimenti, di cui i 18 milioni rappresentano appena la punta dell’iceberg.

Non vorremmo pensare che il sindaco Orlando abbia già iniziato la propria campagna elettorale in vista delle elezioni europee della prossima primavera. Sarebbe davvero una cocente delusione per i palermitani, che in questi mesi stanno facendo i conti con una crisi sempre più devastante, a cui non si riescono a dare risposte sufficienti”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button