Cinema-Teatro-Musica

Ficarra e Picone a Palermo: l’incasso di “Apriti Cielo” andrà in beneficenza

Ficarra e Picone, foto di Alessandro Quartararo

«È bello fare lo spettacolo a Palermo così la sera possiamo dormire a casa nostra». Con queste parole Ficarra apre la conferenza stampa di presentazione dello spettacolo “Apriti Cielo” dello stesso attore insieme al suo compagno di lavoro Picone. La conferenza stampa, breve ma concisa, è avvenuta al caffè letterario Costes a Palermo.

Questo spettacolo, nato due anni fa, viene riproposto con alcune modifiche, e verrà messo in scena nei prossimi giorni. Già ha avuto un grandissimo successo nelle città della nostra penisola conquistando numeri altissimi di presenze. Infatti si parla di circa 130.000 spettatori in toto.

Un traguardo molto importante e gratificante per il duo siciliano. Ficarra e Picone, in tenuta casual che li distingue nel loro stile, si mostrano come al solito con ironia e leggerezza. Ficarra dice a Picone : «Aviamu un solo microfono e ni l’amu a spartiri» e Picone risponde con un sorriso.

In questo spettacolo, dicono i due attori, vi è un fil rouge che lega i tre quadri. È la storia di due tecnici della Tv che arrivano dal loro cliente e lo trovano morto. Questo infatti è il punto di partenza della loro messa in scena. Vogliono raccontare la quotidianità e alla domanda “Parlerete di politica?” loro rispondono : «Non necessariamente, tanto non c’è nulla di nuovo. Berlusconi si ricandida – dice Ficarra – esce Rocky XVI. Sempre le stesse cose».

Come tanti altri loro spettacoli, questo nasce come laboratorio, per poi arrivare alla stesura definitiva del testo. Il settore costumi è stato affidato a Daniela Cernigliaro, Cesare Accetta è il direttore di fotografia e la scenografia è del napoletano Luigi Ferrigno che ha allestito la scena come se fosse un vero cielo, o forse qualcosa che va anche al di la di esso. Al “perché questo titolo?” Ficarra risponde simpaticamente: «Perché non ce n’erano altri!».

Palermo, come città, sembra non essere presente all’interno dello spettacolo. Il duo comico successivamente dichiara la volontà di devolvere in beneficenza l’intero incasso dello spettacolo del 6 gennaio 2013. Con loro nasce una onlus denominata “Mare Dolce” con progetti di solidarietà. Grazie alla collaborazione del dottore Trizzino dell’Ospedale dei bambini Di Cristina, l’incasso servirà alla realizzazione di due ludoteche.

«Partiamo dai bimbi visto che per i grandi non c’è speranza» afferma Ficarra. Inoltre hanno voluto partecipare gratuitamente molte aziende a questo progetto; gli architetti Daniela Polizzi e Lillo Piscione, che realizzeranno le ludoteche; la Giochi Preziosi, che regalerà giochi per i bimbi di vario tipo; la Microsoft, per postazioni, video giochi, x box. Etichettando garantisce di devolvere anche i diritti di prevendita. Inoltre l’azienda Biga Arredo Scuola darà banchi e sedie. La KSM garantirà la sicurezza dell’ambiente che verrà realizzato.

«Palermo ha bisogno di amici» dicono infine Ficarra e Picone. Già, loro si mostrano con questo nobile gesto vicini ai problemi del capoluogo siciliano. Se molti facessero piccoli o grandi gesti come questo, allora forse qualcosa potrebbe cambiare in meglio. Un bellissimo proposito che possa essere d’esempio a tutti quelli che hanno il potere di  intervenire nella risoluzione di molti problemi e che ancora non lo fanno.

Lo spettacolo andrà in scena 11 dicembre 2012,  13 gennaio 2013 al Teatro Al Massimo, Tel. 091.589575 – 091.589070
Info: botteghino@teatroalmassimo.it

 Alessandro Quartararo

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com