Primo Piano

Falsa lettera di Avanti: “Un atto che punta a destabilizzare”

Giovanni Avanti (foto internet)

Una lettera con la firma falsificata del Presidente della Provincia Giovanni Avanti è stata fatta circolare ieri negli uffici dell’amministrazione provinciale. La missiva, su carta intestata della Presidenza, con un inesistente numero di protocollo e la data sbagliata del 4 febbraio, era indirizzata a tutte le direzioni e alla direzione della società partecipata Palermo Energia, e riportava come oggetto “Abolizione Province e riduzione del 30% del personale”.

 

Nel contenuto in sostanza si invitavano le direzioni di riferimento ad elaborare ed inviare entro 15 giorni l’elenco del personale in esubero da porre in mobilità, alla luce dell’annunciata abolizione delle Province. Contro la diffusione della lettera e per la falsificazione della firma, il Presidente Avanti presenterà denuncia alle autorità competenti.

“Un atto molto grave – afferma il Presidente Avanti – che punta a destabilizzare e a creare confusione all’interno dell’amministrazione, soprattutto fra il personale. Le avventate e contraddittorie dichiarazioni del Presidente Crocetta sul tema Province evidentemente hanno stimolato la fantasia di qualcuno che forse pensando di divertirsi non si rende conto di contribuire ad alimentare un clima di tensione e di caos.

La finta lettera – aggiunge Avanti – è fra l’altro falsa anche nei contenuti, considerato che la Provincia proprio recentemente ha emanato un provvedimento con il quale ha comunicato di non avere dipendenti in esubero e quindi, su questo posso rassicurare il personale, non vi è alcun rischio di mobilità. Questo comunque dimostra che temi così delicati per il futuro delle istituzioni e dei relativi dipendenti, non possono essere affidati ad improvvisazioni ed esternazioni prive di un serio ragionamento e frutto solo di una pericolosa demagogia”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button