CronacaPrimo Piano

Evasione fiscale, a Partinico sequestrati beni per 290mila euro

I finanzieri della compagnia di Partinico hanno scoperto due evasori totali. Si tratta di padre e figlio, residenti a Borgetto, che avrebbero svolto l’attività di compravendita di mobili d’arte, dipinti su tela e su tavola, opere d’arte, icone, arredi d’epoca, orologi, porcellane e oggettistica di prestigio senza presentare mai le dichiarazioni dei redditi e versare le imposte dovute.

La ricostruzione è stata effettuata dalle Fiamme Gialle anche attraverso l’esame dei conti correnti bancari dei due soggetti e ha permesso di accertare una rilevante evasione fiscale. Al fine di assicurare il rientro nelle casse pubbliche di quanto non versato in precedenza, è stato richiesto all’Autorità Giudiziaria di voler disporre il sequestro dei beni posseduti dai due evasori, applicando il particolare strumento di contrasto patrimoniale denominato “sequestro per equivalente”, ossia di beni che, riconducibili ai responsabili del reato, hanno un valore pari al danno causato allo Stato dall’evasione fiscale.

Questa richiesta è stata accolta dal GIP presso il Tribunale di Palermo che ha disposto il sequestro di disponibilità finanziarie, 2 macchine e 7 immobili, per un valore pari a quello delle imposte non versate, pari a circa 290.000 euro.

Daniela Spadaro

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: