Arte e Cultura

Emma Dante per il Palermo Pride con “Gli alti e bassi di Biancaneve”

Un Pride dedicato al tema dell’Educazione all’Affettività non poteva che chiudersi con una “Favola per bambini e adulti” di Emma Dante. “Gli alti e bassi di Biancaneve” è l’evento di chiusura del Palermo Pride 2014 e segna per il quinto anno consecutivo la partecipazione della straordinaria regista ed autrice palermitana al nostro Pride.

Emma è vicina alla nostra manifestazione sin dalla nascita nel 2010; ed anche quest’anno, come allora, ci offre non solo un suo spettacolo ma anche la sua casa: Biancaneve sarà infatti la protagonista di un‘unica replica, alle ore 19.00 di domenica 29 giugno, alla Vicaria.

L’ingresso è ad inviti su prenotazione e con contributo per l’autofinanziamento del Pride. Gli inviti sono in distribuzione al “Pride in piazza”, a piazza Verdi presso il gazebo del Coordinamento Pride e, il 29 giugno presso la Vicaria fino ad esaurimento dei posti.

“Gli Alti E Bassi Di Biancaneve”: testo e regia di Emma Dante. Con: Italia Carroccio, Davide Celona, Daniela Macaluso. Luci: Gabriele Gugliara. Foto & Grafica: Carmine Maringola. Produzione: Sud Costa Occidentale. Distribuzione: Daniela Gusmano. Si ringrazia per la collaborazione: Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani.

Note di regia di Emma Dante: “C’è l’alto che si fa basso e il basso che si fa alto nel mondo di Biancaneve. Al contrario di Alice nel paese delle meraviglia che cresce e rimpicciolisce continuamente, Biancaneve vede alzarsi ed abbassarsi il mondo intorno a lei circondato da creature buone e cattive che l’aiutano a diventare grande. Biancaneve fa esperienza, nello stesso tempo, della vigilia e dell’indomani, del più e del meno, del troppo e del non abbastanza, della causa e dell’effetto.

Viene punita dalla matrigna prima di essere colpevole, ancora bambina inconsapevole viene accusata di vanità e fuggendo nel bosco scopre nella statura dei nani e nelle sproporzioni delle cose i veri valori della vita. I nani le insegnano ad abbassare lo sguardo e ad essere umile mentre la regina madre le insinua nell’anima il pericolo di uno sguardo diritto verso l’esaltazione del proprio io. C’è uno specchio che riflette tutto, sogni e paure, azioni malvagie e fughe verso la libertà. La regina madre interroga lo specchio, Biancaneve il suo cuore. L’invidia tormenta la regina al punto che desidera uccidere la rivale e divorarle il cuore. E’ una favola crudele dove i mostri si avvicinano ai bambini spinti dalla necessità di guidarli verso il percorso della conoscenza. I nani sono piccoli minatori dalle pance gonfie che parlano un siciliano medievale. Durante un’esplosione in miniera tutti e sette hanno perso le gambe. La matrigna che offre a Biancaneve il frutto proibito per incantesimo si trasforma in una vecchia magra e altissima. Tutto è sproporzionato come all’inizio sono le cose che vedono i bambini. I loro occhi, sgombri da forme convenzionali, vedono grande e spaziosa una stanza dove da tempo noi ci sentiamo prigionieri.”

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button