Economia e Lavoro

Economia, 2 e 3 settembre a Palermo congresso AISRe

Presentare e discutere contributi scientifici sui problemi e le politiche regionali e territoriali. Questo l’obiettivo dell’edizione numero 34 del congresso dell’AISRe (Associazione Italiana di Scienze Regionali – Sezione Italiana della Regional Science Association International), che si svolgerà il 2 (con la cerimonia di apertura alle ore 9,30) e 3 settembre a Palermo, nelle aule della facoltà di Economia in viale delle Scienze (edificio 13).

L’argomento che farà da motore dell’intero programma sarà: “Crescita economica e reti regionali: nuove industrie e sostenibilità”. Un appuntamento, quello di AISRe, dove anzitutto a parlare saranno i numeri. Il congresso prevede la presenza di oltre 200 tra relatori e partecipanti. Le relazioni iscritte alla conferenza sono circa 250. Esse saranno presentate in 70 sessioni parallele. Sono previste 2 sessioni plenarie, 2 policy sessions, 27 sessioni organizzate e 38 sessioni ordinarie.

Il congresso dell’AISRe si caratterizza per il suo carattere interdisciplinare e l’organizzazione di sessioni da parte delle diverse associazioni scientifiche, che in varie discipline s’interessano del ruolo dello spazio nelle trasformazioni economiche, sociali, territoriali e istituzionali. Di fatto, il congresso dell’AISRe si qualifica come il più grande incontro scientifico e tecnico in Italia nel campo degli studi regionali e territoriali.

Specifiche sessioni del congresso sono dedicate ai seguenti 18 macro temi:
1. Crescita e sviluppo regionale e urbano.
2. Governance, programmazione e pianificazione territoriale.
3. Istituzioni territoriali e finanza locale.
4. Economia internazionale ed europea, cooperazione e sviluppo regionale.
5. Imprese, sistemi produttivi e politiche industriali regionali.
6. Cultura, turismo e marketing territoriale.
7. Servizi reali e finanziari alle imprese e sviluppo regionale.
8. Conoscenza, innovazione, formazione e sviluppo regionale.
9. Mercati regionali del lavoro, demografia, immigrazione.
10. Trasporti e infrastrutture a scala regionale e urbana.
11. Metodi e modelli di analisi territoriale e econometria spaziale.
12. Processi di urbanizzazione.
13. Trasformazioni urbane e mercato immobiliare.
14. Risorse naturali, difesa del territorio, energia e sostenibilità.
15. Welfare, servizi alla persona e politiche sociali.
16. Agricoltura e sviluppo rurale.
17. Indicatori di benessere, capitale sociale e sviluppo locale.
18. Valutazione di politiche, piani e programmi.

Il congresso AIRSre si aprirà a Palermo lunedì 2 settembre alle 9,30 nell’aula magna Vincenzo Li Donni della Facoltà di Economia in viale delle Scienze. Saranno presenti: Roberto Lagalla (rettore dell’Università degli Studi di Palermo), Fabio Mazzola (Preside della facoltà di Economia dell’ Università degli Studi di Palermo e presidente del Comitato Organizzatore locale XXXIV Conferenza AISRe), Leoluca Orlando (sindaco di Palermo), Giovanni Ardizzone (presidente Assemblea regionale siciliana), Maria Rita Sgarlata (assessore ai Beni Culturali per la Regione siciliana) Dario Cartabellotta (assessore alle Risorse agricole e alimentari per la Regione siciliana) Domenico Tucci (commissario straordinario alla Provincia Regionale di Palermo), Riccardo Cappellin (presidente AISRe).

Seguiranno tre lezioni scientifiche, dove interverranno: Adriano Giannola (università di Napoli Federico II e Presidente Svimez), Peter Batey (university of Liverpool e past-president Rsai) e in videoconferenza Enrico Giovannini (ministro del Lavoro).

Si parlerà del collegamento tra la dimensione nazionale e quella regionale della crisi economica nel Mezzogiorno e dei limiti, anche dal punto di vista teorico, delle politiche monetarie e di bilancio pubblico nazionali ed europee nel promuovere lo sviluppo in un’economia moderna come quella italiana e continentale.

Sarà anche trattato il problema della riconversione delle aree urbane verso nuove produzioni, anche non manifatturiere, basate sulla conoscenza.

Si discuterà anche di principi di sostenibilità, misura degli indicatori di sviluppo e degli obiettivi e campi di intervento delle politiche nazionali e regionali.

Tra i relatori, interverrà in videoconferenza il 3 settembre il ministro perla Coesione territoriale Carlo Trigilia, che parlerà dei provvedimenti del governo Letta per l’utilizzo dei fondi dell’Unione europea.

«Questo incontro – dice il professore Fabio Mazzola, preside della Facoltà di Economia e Presidente del Comitato organizzatore Locale XXXIV Conferenza AISRe – si svolge in continuità con quello dell’Ersa, appena conclusosi, riprendendone i temi principali e soffermandosi maggiormente sull’attualità delle politiche di intervento in Sicilia e nel Mezzogiorno. Ritengo che dall’incontro emergeranno spunti interessanti per il futuro utilizzo dei fondi europei».

Ulteriori informazioni riguardo il programma e gli obiettivi del congresso si possono trovare visitando il sito www.aisre.it. L’ingresso al pubblico è libero.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button