Politica

Di Matteo: “Gay pride e Unioni Civili spot elettorali privi di contenuto”

Secondo Tommaso Di Matteo coordinatore dei giovani del Pid/Cantiere Popolare e consigliere dell’ottava circoscrizione del comune di Palermo «Ci vorrebbero far credere che siamo vicini ad una svolta poiché stiamo ospitando il Gay-Pride e perché è stato approvato un registro delle unione civili di cui non riesco a comprendere il valore. Io vorrei ricordare al Sindaco e alla giunta che la città è davvero in ginocchio a tutti i livelli, non esiste più un centimetro di marciapiedi integro, l’emergenza rifiuti è sempre dietro l’angolo, la maggior parte dei giardini e villette comunali sono in completo stato di abbandono, per non parlare delle potature: arretrate in ogni luogo della città e scordiamoci le questioni AMIA e GESIP che sono tutti veri e propri vulcani pronti all’eruzione».

Continua Di Matteo: «L’amministrazione Orlando invece pensa di poter nascondere la luna dietro un dito lanciando messaggi privi di contenuto come il regolamento sulle unioni civili che per intenderci non ha quasi alcun valore dato che è un tema che dev’essere affrontato a livello nazionale e che mi auguro venga affrontato al più presto. Fermamente convinto che non sia stato giusto dare un patrocinio così oneroso per una manifestazione così tanto di parte e che i Palermitani, con tutto il rispetto per il Pride, in questo momento di crisi hanno ben altri pensieri, attendendo sempre la tanto “sbandierata” cessione di deleghe alle circoscrizioni ed infine spero che Il Sindaco “smetta di fare fumo” e si occupi seriamente dei tantissimi reali e concreti problemi che ci sono a Palermo».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com