Economia e LavoroPrimo Piano

Debiti PA: in Sicilia tempi di attesa troppo lunghi.

“Tanto tuonò che piovve. Dopo le numerose denunce, avanzate anche da Confindustria Sicilia – la Commissione europea ha aperto una procedura d’infrazione contro l’Italia per il ritardo dei pagamenti da parte della pubblica amministrazione. Chi ne risponderà sarà lo Stato nelle sue varie declinazioni: Regioni, Comuni, Asl e via dicendo.

Nel 2013, secondo la Banca d’Italia, l’ammontare dei debiti finanziari delle amministrazioni locali siciliane, pari a 7,8 miliardi di euro, è aumentato del 2,5 per cento rispetto a dodici mesi prima. E i tempi di pagamento si aggirano tra i 242 e i 274 giorni, contro i 30-60 previsti dalle regole Ue. Una enormità, che strangola le imprese”.

Questo il commento di Confindustria Sicilia, che aggiunge: “L’auspicio, a questo punto, è che la presa di posizione di Bruxelles imprima una ulteriore accelerazione agli sforzi degli ultimi mesi del governo e suoni come una sveglia per le amministrazioni locali, nella consapevolezza che una eventuale sanzione elevata all’Italia ricadrebbe a cascata su tutti”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com