Ambiente e TerritorioEconomia e LavoroPrimo PianoSindacato

Danni incendi. La FABI plaude ad UniCredit e a due banche di Credito Cooperativo

Intesa San Paolo ancora in silenzio, la popolazione si aspetta stessa sensibilità.

Bene a Unicredit e a due banche di credito cooperativo che dimostrano sensibilità alle disgrazie di imprenditori e Persone. Le altre Banche facciano altrettanto.

Questo è il messaggio lanciato dalla  FABI il sindacato dei bancari maggiormente rappresentativo in Sicilia e in Italia.

“Avevamo sollecitato, afferma il coordinatore FABI SICILIA, Carmelo Raffa, Banche e Istituzioni ad adottare provvedimenti urgenti in favore delle vittime dei danni causati ai loro beni dagli incendi.

Accogliamo positivamente le iniziative concrete adottate da Unicredit Region Sicilia, capitanata dal Direttore Salvatore Malandrino”.

Riportiamo per completezza espositiva quanto la nostra redazione ha rilanciato nella giornata di  giovedì 12 agosto da parte di Unicredit a cui va il massimo consenso per la sensibilità e tempestività dimostrata. A nostro avviso manca all’appello Intesa San Paolo ancora in silenzio, la popolazione si aspetta stessa sensibilità.

A seguire il riproponiamo il Comunicato stampa di Media Relations UniCredit..

UniCredit: sostegno alle province siciliane danneggiate dagli incendi

Moratoria sui mutui e finanziamenti a tasso agevolato per famiglie e aziende

In seguito agli incendi che hanno colpito in questi giorni  il territorio siciliano provocando ingenti danni ai cittadini e alle attività commerciali e imprenditoriali del territorio, UniCredit ha varato un pacchetto di interventi straordinari di sostegno a favore delle comunità colpite.

Tra le iniziative predisposte, UniCredit mette a disposizione una moratoria che permette di sospendere fino al 30 giugno 2022 le rate dei mutui ipotecari e chirografari per le imprese con sede legale/operativa nelle zone colpite che abbiano subito danni e per tutti i clienti privati proprietari di immobili nei Comuni interessati che siano stati danneggiati dall’evento la sospensione della quota capitale dei mutui ipotecari.

La Banca inoltre offre la possibilità di richiedere un “Prestito Sostegno” con tasso agevolato per i clienti privati residenti nei Comuni che abbiano subìto danni a causa dell’evento mentre per le aziende sarà possibile accedere al “Pacchetto nuovo credito alle imprese”, con linea di finanziamenti chirografari/ipotecari a condizioni agevolate in favore di clienti imprese.

“Tutte le agenzie di UniCredit in Sicilia – spiega Raffa – sono operative per dare informazioni sulle procedure necessarie all’ottenimento della sospensione dei pagamenti delle rate dei finanziamenti e per l’accesso al nuovo credito.

Anche due banche di credito cooperativo locali BCC Mutuo Soccorso di Gangi e la Bcc San Giuseppe delle Madonie hanno varato un piano per aiutare le aziende colpite dagli incendi”.

Il Coordinatore FABI Bcc Sicilia, Gaetano Castagna plaude alla governance delle due banche per l’attenzione dimostrata in un momento così importante.

 “Il Credito Cooperativo – afferma Castagna,  esplica un’attività imprenditoriale ‘a responsabilità sociale’ non soltanto finanziaria, ed al servizio dell’economia civile, per questo ribadiamo che la Sicilia ha bisogno di più credito cooperativo”.

“Sollecitiamo – conclude Raffa – gli altri Istituti di Credito operanti in Sicilia a prendere analoghi provvedimenti e i Governanti a non limitarsi alle passerelle propagandistiche ma ad adottare urgentissimi provvedimenti in favore di Imprese e Persone colpite da questa tremenda disgrazia”.

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Un commento

  1. ew131 camionisti molestatori industria, simulatori di reato petronilli, calamiggnatto 58 e proferiscono parolacce ha detto:

    caccia al ladro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button