Covid-19PoliticaPrimo PianoSalute e Benessere

Coronavirus. La Regione Sicilia esclude i bancari e i postali dai test sierologi e/o quantitativi, per ImpresSe è inaccettabile

I test sierologi e/o quantitativi vanno estesi anche ai lavoratori impegnati negli istituti bancari e postali

“Non possiamo fare a meno che raccogliere le lamentele degli operatori di settore e conseguentemente rilevare analizzando la nuova disposizione della Regione Sicilia in materia di screening epidemiologico del 16 aprile l’esclusione della categoria dei lavoratori bancari e postali, appare una palese contraddizione a poche ore dall’avvio dei nuovi finanziamenti fino a 25.000 euro garantiti dallo Stato attraverso il Fondo centrale”.

Lo dichiarano congiuntamente Francesco Panasci Presidente dell’Associazione ImpresSe e Filippo Virzì, Responsabile della Comunicazione.

“I test sierologi e/o quantitativi vanno estesi anche ai lavoratori impegnati negli istituti bancari e postali – concludono Panasci e Virzì – non ci spieghiamo come un’intera categoria di lavoratori in trincea nelle filiali e negli uffici postali sovraesposta al contagio da virus Covid-19 i quali assicurano un servizio definito pubblico essenziale, non siano stati considerati, è inaccettabile, e pensare che il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci è un bancario, pertanto ci auspichiamo in un pronto ripensamento da parte dell’Assessore regionale alla Sanità Razza e una levata di scudi da parte dei corpi intermedi”.

 

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com