Primo PianoSindacato

Coronavirus. Carmelo Raffa (Fabi): “Bancari in trincea, banchieri no”

Carmelo Raffa

“Bancario, chi? Banche impegnate a anticipare in questi giorni la cassa integrazione ai lavoratori sospesi. Banche impegnate a bloccare rate mutui. Banche impegnate a svolgere un servizio sociale essenziale. Ma chi sta al fronte? I generali o i soldati? I banchieri o gli amministratori?
Sarebbe una pia illusione trovare in prima linea i big e in particolare in questo momento triste e pericoloso per la loro salute, nonostante dispongano del prezioso materiale sanitario a cominciare dalle mascherine ffp3”.
Queste sono le riflessioni di Carmelo Raffa, Coordinatore regionale in Sicilia della Fabi.
“E così in prima linea ci stanno gli impiegati e i quadri – prosegue denuncia – sono stati lasciati ad operare e a soddisfare le esigenze sociali della clientela nella maggioranza dei casi non dotati di alcuna mascherina e neanche dei disinfettanti previste dalle disposizioni vigenti.
La Fabi e gli altri sindacati continuano a denunciare ciò all’ABI e alle singole Banche”.
“Negli ultimi giorni qualcosa si è cominciata a muovere per quanto riguarda la dotazione delle mascherine – spiega Raffa – ma nel contempo già da domani si paventa il pericolo di un sovraffollamento di Persone agli sportelli per il pagamento delle pensioni e nei prossimi giorni grazie al populismo di figure istituzionali poco accorte nella comunicazione gli istituti di credito potrebbero subire l’afflusso dei lavoratori in cassa integrazione.
Pagamento pensioni, cassa integrazione, rate mutui da sospendere, sono operazioni che debbono attuarsi in tempi brevissimi ma con le cautele sanitarie previste per il Coronavirus”.
“Chi di dovere e quindi banchieri e amministratori –  stigmatizza – si organizzino per un servizio celere ma nel contempo non aggravino la situazione già pesante dei Quadri e Impiegati che continuano a svolgere un lavoro sociale in prima linea”.

“Per questa grave disgrazia sanitaria non ci sono dubbi –  conclude – che i primi ringraziamenti vanno ai Medici e agli operatori sanitari. Ma nessuno potrà sottovalutare gli sforzi e i rischi che corrono tanti lavoratori del settore agro alimentare e quelli che sono costretti a rendere servizi essenziali quali i postelegrafonici e i bancari in prima linea”.

Tags
Moltra altro

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Avatar petronello politico corrotto e i suoi loschi soggetti molestano la vise nel vicinato con cell ha detto:

    dante testimone…e non è show

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: