Arte e CulturaCronacaPrimo Piano

Consegnati i lavori della Tribuna in stucco della chiesa Madre a Ciminna

Consegnati i lavori della Tribuna in stucco della chiesa Madre a Ciminna

Consegnati i lavori della Tribuna in stucco della Chiesa Madre a Ciminna

Prendono il via i lavori per il restauro della Tribuna nella Chiesa Madre di Ciminna, opera realizzata nel XVII secolo dai maestri stuccatori della bottega dei Li Volsi.
I lavori, finanziati per un importo di 77.358,57 euro, sono stati consegnati oggi  14 dicembre 2021,  realizzati dal Consorzio Pragma di Palermo sulla base della progettazione effettuata dall’Arch. Filippo Davì e dal Dott. Mauro Sebastianelli della Soprintendenza dei Beni culturali di Palermo che hanno operato sulla base delle criticità rilevate a seguito di un sopralluogo effettuato nello scorso mese di luglio dall’ Assessore Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, nell’ambito delle visite di ricognizione effettuate subito dopo il suo insediamento, lo stesso Samonà  sottolinea:<< Abbiamo il dovere di custodire un patrimonio e consegnarlo alle giovani generazioni>>.

L’Assessore Samonà era presente  questa mattina alla consegna dei lavori e ha manifestato la propria soddisfazione per i tempi di risposta da parte della Soprintendenza di Palermo, comunicando al sindaco di Ciminna, Vito Barone, un intervento che consegnerà alla comunità l’abside rinnovato entro la prossima estate.

Alla presenza dei giovani studenti dell’Istituto comprensivo di Ciminna l’Assessore Samonà ha dichiarato <<Occuparsi dei beni culturali comporta non soltanto programmare iniziative di valorizzazione, ma anche la responsabilità di prendersi cura del patrimonio esistente attraverso attività di custodia, manutenzione e restauro. Sono attività di minore visibilità, ma senza le quali è impossibile costruire qualsiasi altra iniziativa di valorizzazione. Espressioni artistiche di pregio come la Tribuna della Chiesa madre di Ciminna, presenti diffusamente su tutto il territorio regionale, devono invitarci ad apprezzare le bellezze che possediamo e insegnare a ciascuno di noi a trasmettere l’amore per la nostra storia e la nostra cultura, così da poterlo consegnare ai nostri figli perché imparino responsabilmente a farsene carico>>.

Stamani, alla consegna dei lavori, erano presenti anche il Dirigente generale dei Beni culturali Francesco Fazio, la Soprintendente dei Beni Culturali di Palermo, Selima Giorgia Giuliano, il Sindaco di Ciminna Vito Barone, Padre Giuseppe Bucaro, Direttore dell’Ufficio Beni Culturali della Curia di Palermo, e il parroco, Don Antonino Bruno.

Consegna dei lavori della Tribuna della Chiesa Madre di Ciminna- Palermo 14.12.2021
Consegna dei lavori della Tribuna della Chiesa Madre di Ciminna- Palermo 14.12.2021

A dirigere i lavori sarà lo stesso arch. Davì e la Dott.ssa Carolina Griffo. Gli interventi previsti riguardano il consolidamento e la messa in sicurezza degli stucchi oltre alla revisione complessiva dell’intero l’apparato plastico in stucco le cui condizioni erano apparse sin da subito molto critiche a causa delle infiltrazioni, con rischio anche per l’incolumità dei fedeli.

La tribuna posta alle spalle dell’altare maggiore della chiesa Madre di Ciminna fu realizzata nella prima metà del XVII dalla bottega dei Li Volsi. Essa rappresenta uno degli indiscussi capolavori della lavorazione plastica di derivazione tardo manierista realizzati da questi artisti.

Il modello di riferimento fu la tribuna della Cattedrale di Palermo, realizzata nella seconda metà del XVI secolo dai Gagini e rimossa dalla sua collocazione originaria alla fine del XVIII secolo.
Costituita da dodici colonne scanalate poste su un alto piedistallo che scandiscono le pareti dell’abside della chiesa tra le quali trovano collocazione le statue degli Apostoli. Nella parte centrale, proprio alle spalle dell’altare, si trova la statua di Maria Maddalena, cui è dedicata la Chiesa. Nel tamburo, sostenuto dalle colonne, in corrispondenza dei capitelli corinzi angioletti-telamoni sembrano sostenere la semi cupola.
Nel catino absidale domina la figura di Dio Padre benedicente con il piede sul globo e con lo scettro tenuto dalla mano sinistra, attorniata dai Quattro Evangelisti, da musici e dagli angeli.
L’opera è realizzata in stucco arricchito da dorature che esaltano la profondità spaziale di alcuni elementi decorativi, ne mettono in evidenza altri come gli strumenti musicali e nel contempo fanno convergere lo sguardo dei fedeli verso Dio Padre.

L’intervento sarà corredato in tutte le fasi da un’ampia e dettagliata documentazione tecnica da realizzare mediante un’accurata campagna fotografica del manufatto (Vis. e U.V. ); è prevista, inoltre, la relazione tecnica e la schedatura degli interventi eseguiti per una completa acquisizione dei dati relativi alle reali condizioni conservative del manufatto; attenzione particolare verrà dedicata alla composizione e caratterizzazione chimica dei materiali costitutivi e all’utilizzazione dei materiali di restauro applicati sul manufatto stesso in precedenti interventi affinché, attraverso saggi preliminari, si possa dare garanzia circa l’efficacia delle metodologie di intervento e i prodotti utilizzati, in linea con i principi fondanti del restauro moderno. I prodotti impiegati, naturali e di sintesi, avranno la caratteristica di non interferire con la natura dei materiali oggetto dell’intervento nel rispetto delle caratteristiche chimiche e fisiche approvate nella Normativa NORMAL.

 

Articoli Correlati

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button