Fatti d'ImpresaPrimo Piano

Concorso Ripam 2133 funzionari: riaperti i termini per la presentazione delle domande

Sulla gazzetta ufficiale n. 60 del 30 luglio è stato pubblicato l’avviso di modifica del bando di concorso pubblico, per titoli  ed  esami,  per  il reclutamento di complessive duemilacentotrentatre unita’ di personale non dirigenziale,  a  tempo  pieno  e  indeterminato,  da  inquadrare nell’Area  III,  posizione  retributiva/fascia  retributiva   F1,  o categorie  o  livelli  equiparati,  nel   profilo   di   funzionario amministrativo,  nei  ruoli  di  diverse  amministrazioni   (Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi  ed esami» n. 50 del 30 giugno 2020).

In particolare, il numero complessivo dei posti messi a concorso e’ stato elevato da duemilacentotrentatre a duemilasettecentotrentasei, secondo la seguente ripartizione:

  • ventiquattro unita’  da  inquadrare,  con   il   profilo   di funzionario amministrativo, nell’area funzionale III – F1  dei  ruoli dell’avvocatura  generale  dello  Stato;
  • centoventitre unita’   di categoria A  –  F1,  con  il  profilo  professionale  di  specialista giuridico legale finanziario;
  • tredici unita’  da  inquadrare  nel  ruolo  speciale   della protezione civile della Presidenza del Consiglio dei ministri;
  • cinquecentocinquanta unita’ da inquadrare, con il profilo di funzionario amministrativo, nell’area funzionale III – F1 dei  ruoli del Ministero dell’interno;
  • quarantotto unita’  da  inquadrare,  con   il   profilo   di funzionario amministrativo, nell’area funzionale III – F1  nei  ruoli del Ministero della difesa;
  • quattrocentodieci unita’ da inquadrare, con  il  profilo  di collaboratore amministrativo, nell’area funzionale III – F1 dei ruoli del Ministero dell’economia e delle finanze;
  • duecentonovanta unita’ da  inquadrare,  con  il  profilo  di funzionario amministrativo, nell’area funzionale III — F1 dei  ruoli del Ministero dello sviluppo economico;
  • settanta unita’ da inquadrare, con il profilo di funzionario amministrativo, nell’area funzionale III – F1 dei ruoli del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, di  cui  sei  posti riservati ai sensi dell’art. 3 della legge 12 marzo 1999, n. 68;
  • sessantasette unita’  da  inquadrare,  con  il  profilo   di funzionario amministrativo, nell’area funzionale III – F1  dei  ruoli del Ministero della transizione ecologica;
  • duecentodieci unita’  da  inquadrare,  con  il  profilo   di funzionario amministrativo-contabile, nell’area funzionale III  –  F1 dei ruoli del Ministero delle infrastrutture e mobilita’ sostenibili;
  • novantadue unita’  da  inquadrare,   con   il   profilo   di funzionario  area  amministrativa  giuridico  contenzioso,  nell’area funzionale III – F1 dei  ruoli  del  Ministero  del  lavoro  e  delle politiche sociali;
  • centocinquantanove unita’ da inquadrare, con il  profilo  di funzionario   amministrativo,   giuridico,    contabile,    nell’area funzionale III- F1 dei ruoli del Ministero dell’istruzione;
  • ventidue unita’ da inquadrare, con il profilo di funzionario amministrativo, giuridico, contabile, nell’area funzionale III  –  F1 dei ruoli del Ministero dell’universita’ e della ricerca;
  • trecento unita’ da inquadrare, con il profilo di  funzionario amministrativo, nell’area funzionale III – F1 dei ruoli del Ministero della cultura;
  • diciannove unita’  da  inquadrare,   con   il   profilo   di funzionario giuridico di amministrazione, nell’area funzionale III  -F1 dei ruoli del Ministero della salute;
  • trecento unita’ da inquadrare, con il profilo di funzionario amministrativo, giuridico-contenzioso, nell’area funzionale III –  F1 dei ruoli dell’Ispettorato nazionale del lavoro;
  • quarantacinque unita’  da  inquadrare,  con  il  profilo  di funzionario amministrativo, nell’area funzionale III – F1  dei  ruoli dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e  la  destinazione  dei beni sequestrati e confiscati alla criminalita’ organizzata;
  • cinque unita’ da inquadrare nei ruoli dell’Istituto superiore per la protezione  e  la  ricerca  ambientale,  con  il  profilo  di funzionario amministrativo – V livello;
  • due unita’ da inquadrare,  con  il  profilo  di  funzionario amministrativo – F1, nei ruoli dell’Agenzia per l’Italia digitale.

 A seguito della modifica, la prova preselettiva e la prova selettiva orale sono state rimosse, mentre la prova selettiva scritta si svolgerà esclusivamente  mediante  l’utilizzo  di  strumenti   informatici  e digitali  anche  in  sedi  decentrate  e  anche  con piu’ sessioni consecutive non contestuali.

 Prova selettiva scritta

La fase selettiva scritta consiste nella risoluzione di quaranta quesiti a risposta multipla e si articola come segue:

a) una parte composta da trentadue quesiti volta a verificare le conoscenze rilevanti afferenti alle seguenti materie:

– diritto pubblico (diritto costituzionale, ivi  compreso  il sistema delle fonti e delle istituzioni dell’Unione europea;  diritto amministrativo, con particolare riferimento al codice  dei  contratti pubblici e alla disciplina del lavoro pubblico e responsabilita’  dei pubblici dipendenti; reati contro la pubblica amministrazione);

– diritto   civile,   con    esclusivo    riferimento    alla responsabilita’ contrattuale ed extracontrattuale;

– organizzazione e gestione delle pubbliche amministrazioni;

– contabilita’ di Stato;

– elementi di economia pubblica.

I predetti quesiti sono altresi’ volti a verificare la  capacita’ logico-deduttiva e di  ragionamento  critico-verbale,  la  conoscenza della lingua inglese al fine di accertare il  livello  di  competenze linguistiche di livello B1 del quadro comune europeo  di  riferimento per le lingue, nonche’ la conoscenza delle tecnologie informatiche  e le competenze digitali  volte  a  favorire  processi  di  innovazione amministrativa  e   di   trasformazione   digitale   della   pubblica amministrazione.

b) una parte composta da otto quesiti situazionali relativi a problematiche organizzative e gestionali ricadenti nell’ambito degli studi  sul  comportamento    I  quesiti   descriveranno situazioni  concrete  di  lavoro,  rispetto  alle  quali  si  intende valutare la capacita’ di giudizio dei candidati,  chiedendo  loro  di decidere, tra alternative predefinite di  possibili  corsi  d’azione, quale ritengano piu’ adeguata.

Riapertura dei termini per la presentazione della domanda

La domanda di ammissione al concorso  deve  essere  presentata esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema pubblico  di identita’ digitale (SPID), compilando l’apposito  modulo  elettronico sul  sistema  «Step-One  2019»,  raggiungibile  sulla  rete  internet all’indirizzo   «https//ripam.cloud»,   previa   registrazione    del candidato sullo stesso sistema. La compilazione e l’invio on line della domanda devono essere completati entro il trentesimo giorno, decorrente dal giorno successivo a quello di pubblicazione del  provvedimento nella Gazzetta  Ufficiale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button