Fatti d'ImpresaPrimo Piano

Commissione ARS approva ddl “Maestro Artigiano” e “Botteghe scuola”

Palmeri: "Strumenti per tutela professioni legate a cultura e territori"

Palermo, 22 giugno 2022 – La III Commissione dell’Assemblea Regionale Siciliana ha esitato ieri per la discussione in Aula un disegno di legge, di cui è stata prima firmataria Valentina Palmeri di Europa Verde, che prevede di istituire e regolamentare la figura del “Maestro artigiano” nonché  le “Botteghe scuola” e di creare degli Albi in cui inserire  le “Attività artigiane di qualità tradizionale”.

Il disegno di legge, che passerà ora alla discussione per il voto da parte dell’Assemblea, prevede una serie di norme volte a promuovere e tutelare quelle attività artigianali, sia artistiche sia produttive, legate al patrimonio storico-culturale o a modalità e tecniche esecutive peculiari della storia siciliana.
In particolare, il titolo di “Maestro Artigiano” potrà essere rilasciato dall’Assessorato per le attività produttive a lavoratori, titolari o dipendenti di imprese artigiane di qualità, che dimostrino una adeguata anzianità professionale e che mostrino una elevata attitudine all’insegnamento del mestiere. Le imprese in cui operano i Maestri Artigiani, potranno invece essere qualificate come “Bottega scuola”.
Una volta approvata la legge, i decreti attuativi stabiliranno le modalità di riconoscimento dei titoli, nonché le modalità di accesso a contributi e forme di sostegno specifiche per queste attività artigiane.
Per Valentina Palmeri – prima firmataria del Disegno di legge – “l’economia e i metodi produttivi moderni basati sul ricorso sempre più massiccio alle macchine e a sistemi automatizzati stanno sempre più mettendo a rischio una cultura artigiana che in Sicilia è frutto di millenni di sperimentazioni, adattamenti, contaminazioni culturali ed evoluzioni. Il sistema artigiano in Sicilia, già indebolito dai processi industriali standardizzati e dalla competizione di prodotti d’importazione, è uscito dalla pandemia ancora più frammentato e fragile.
Anche per questo, la politica può e deve intervenire, salvaguardando e tutelando questo settore produttivo che rappresenta non solo un pezzo importante della nostra economia ma anche un baluardo di difesa e promozione di tradizioni e conoscenze.”

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button