CronacaPrimo Piano

Cerisdi: la riflessione di Serena Giusto, 24 anni di impegno professionale profuso per l’ente di alta formazione

FB_IMG_1457606978613

Serena Giusto, 24 anni  di impegno professionale profuso all’interno del Cerisdi, l’ente di alta  formazione che dal castello Utveggio domina la città ed oggi in balia del vento di tempesta che ha spazzato via  interi pezzi di cultura in tutta l’isola.

28 i dipendenti del Cerisdi  già sei mesi senza mensilità , Serena una di loro, grandi potenzialità messe in campo con l’alta formazione che improvvisamente da “fiore all’occhiello” per  l’intera regione sembra essersi trasformata in un comparto da rottamare.

Di seguito la riflessione sulla vicenda, inviata in redazione da Serena Giusto e pubblicata integralmente:

“Forse per alcuni questa mia riflessione sarà piuttosto banale, ma vorrei scrivere  comunque qualche parola su quello che è stato il fulcro della nostra attività su al Castello Utveggio, ovvero l’alta formazione e la ricerca. Molto spesso, soprattutto in questi tempi di crisi, si ritiene che spendere denaro per questo settore sia un vero e proprio spreco. A mio avviso non vi è nulla di più sbagliato. I Paesi con le economie più forti, come ad esempio l’America e la Cina, destinano somme ingenti proprio per finanziare la ricerca e lo sviluppo. Ciò significa studiare, aggiornarsi e magari pure cercare di capire (ed in tanti casi copiare) cosa fanno coloro che sono più bravi di noi, ovvero, in poche parole, fare formazione. Spendere soldi in questo settore significa investire nel proprio futuro, ma anche contribuire allo sviluppo della società. La Sicilia dovrebbe essere un’isola ricchissima proprio grazie alle proprie risorse naturali e culturali, ma è evidente che invece  non sappiamo sfruttare al meglio ciò che abbiamo. Potrei portare tanti esempi per dimostrarlo, ma preferisco evitare per non dilungarmi troppo, tanto sono sotto gli occhi di tutti. Di certo dovrebbero esserci quasi più turisti che abitanti ed è chiaro che non è così. Investire in ricerca, sviluppo e formazione significa concretamente creare le condizioni per poter diventare fieri di vivere in questa nostra terra, che tanto potrebbe offrire. Ed i nostri figli poi non avrebbero più bisogno di andar via per trovare lavoro. Il Cerisdi, se ben gestito, poteva dare un grande contributo… ma ormai temo che sia tutto perduto. Un’altra occasione che noi siciliani ci siamo fatti sfuggire. Si continua così a vivere nella mediocrità, senza speranza.”

 

 

Tags
Moltra altro

Panasci

Giornalista editore e musicista. Da 20 anni anche produttore

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: