CronacaPrimo Piano

Catania, randagismo. D’Agata ad associazioni: “Piena disponibilità a collaborare”

foto www.seguonews.it

Clima cordiale e propositivo, con piena disponibilità a collaborare nell’incontro svoltosi in Comune tra l’assessore all’Ecologia Saro D’Agata e i rappresentanti dell’associazione teg4friends onlus che nei giorni scorsi avevano preso in carico tre cuccioli meticci affetti da rogna e abbandonati nella zona industriale.

Dall’episodio, a causa di una serie di incomprensioni su una presunta ordinanza del sindaco, ora fugate, era scaturita una polemica. Nel corso dell’incontro voluto dal sindaco Bianco – e al quale hanno preso parte anche i consulenti primo cittadino per i rapporti istituzionali Francesco Marano e per le questioni riguardanti gli animali Gabriella Barchitta e Cristina Calì dell’associazione Amici degli animali – la discussione è stata riportata sugli obiettivi comuni da attuare. Ossia una seria campagna di sterilizzazione, una microchippatura su larga scala e soprattutto un’opera di sensibilizzazione per combattere il fenomeno dell’abbandono e promuovere le adozioni. E’ stato sottolineato come molti cani vengano abbandonati in città anche da chi proviene da altri Comuni dell’hinterland e che la zona industriale è una delle aree che andrebbero sottoposte a maggior controllo.

“Ho ribadito – ha sottolineato D’Agata – la piena disponibilità del sindaco Bianco e del sottoscritto anche per migliorare le procedure di recupero degli animali, con particolare attenzione ai cuccioli. E’ inoltre intenzione dell’Amministrazione esaminare con tutti i soggetti interessati, a cominciare dalle associazioni di volontari, le criticità emerse. Cominceremo già nei prossimi giorni con una riunione con l’Asp e i veterinari di Catania. L’obiettivo è quello di lanciare un’opera di sensibilizzazione per la cura per gli animali che definiremo con l’aiuto di tutti”.

“Quest’episodio dei tre cuccioli – ha detto Alessandro Tringale, presidente dell’associazione teg4friends onlus – può rappresentare un nuovo inizio nel rapporto tra le associazioni e l’Amministrazione comunale, con una fattiva e produttiva collaborazione che conduca Catania, con l’impegno di tutti, a diventare un modello di gestione e salvaguardia dei cani e gatti abbandonati”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button