Cronaca

Catania: Elefantino d’argento ai poliziotti De Girolamo, Faro e Silvi

“Ringraziamo con l’Elefantino, simbolo della città e della nostra stessa identità, i protagonisti di un intervento di polizia dalle profonde caratteristiche umanitarie”.

Lo ha detto il sindaco Enzo Bianco nel consegnare, a Palazzo degli Elefanti, l’Elefantino d’argento al vice questore aggiunto Daniele De Girolamo, dirigente dell’Ufficio Prevenzione generale e soccorso pubblico della Questura, all’agente Giovanni Faro e all’agente aggiunto Mirko Silvi. Presenti il questore di Catania Salvatore Longo, la presidente del Consiglio comunale Francesca Raciti e il consigliere Alessandro Porto.

I tre poliziotti, il 16 maggio scorso, nella sede dell’Inps di Catania, salvarono la vita a un uomo, il quale, disperato perché non riusciva a ottenere il ripristino dell’assegno di accompagnamento, si era cosparso di benzina e stava per darsi fuoco. Nonostante l’uomo avesse già l’accendino in mano, i tre si lanciarono su di lui, bloccandolo e impedendogli il suicidio.

“Abbiamo particolarmente apprezzato – ha aggiunto Bianco – il senso umano di questi poliziotti, che hanno dato prova straordinaria di tempestività, coraggio e capacità relazionali nel riuscire a rassicurare una persona in condizioni disperate. E’ anche con azioni come queste che si dà serenità a una città”.

“La gratitudine del Sindaco, dell’Amministrazione e di tutta la cittadinanza – ha sottolineato il questore Longo – sono il più grande riconoscimento non solo per questo brillante intervento di salvataggio, ma per tutto il lavoro della nostra Questura che sarà sempre al fianco della città per garantire sicurezza e legalità”.

“Emozionati e onorati” si sono detti, al momento di ricevere l’Elefantino, il dottore De Girolamo, con accanto i figli Nicola e Sofia, e gli agenti Faro e Silvi.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button