Arte e Cultura

Catania, a Percorsi d’autunno “Straniero di Sicilia”

Foto ufficio stampa

La Rassegna “Percorsi D’autunno” – patrocinata dal Comune di Catania – nel suggestivo ed incantevole Castello Ursino di Catania, venerdì 11 ottobre alle ore 21:00 ospita la Compagnia La Casa dei Santi che presenta “Straniero di Sicilia”, di e con Giovanni Calcagno e le composizioni video di Alessandra Pescetta.

Un tentativo di ricostruzione dell’identità isolana, attraverso testimonianze in forma di narrazione in versi di alcuni poeti stranieri che hanno abitato questa terra da siciliani. I testi proposti sono testimonianze delle antiche civiltà che hanno lasciato tracce indelebili nell’isola: la ellenistica, la latina, e l’araba.

Straniero di Sicilia comincia con un idillio di Teocrito siracusano ( siamo nel 300 a.C. ), ‘ Il Ciclope Innamorato’, splendido ritratto di un Polifemo che, invaghitosi della ninfa Galatea, si dimentica del suo lavoro di pastore e si dedica solo alla poesia. Continua con il Pervigilium Veneris, la Veglia di Venere, poemetto in lingua latina composto nel 2° sec.d.C. da un anonimo catanese dedicato all’arrivo di Venere sulla Terra ed al conseguente ritorno della primavera, festeggiato da uomini e donne con una veglia di tre giorni e tre notti dedicata all’amore. Poi è la volta di Ibn Hamdis, e siamo già nel sec. 11° sec.d.C., quando gli arabi furono scacciati dai Normanni e il poeta di Noto cantò da esule l’amore per la patria, la sua Sicilia araba. Infine un cunto di tradizione galiziana, tratto da una cantiga de santa Maria scritta da re Alfonso X el savio, inneggiante ad un miracolo compiuto dalla Madonna per mano di un poeta capace di fermare con il suo canto una disastrosa eruzione sull’Etna.

I testi vengono proposti in una doppia interpretazione: una in lingua originale ( Greco, Latino, Arabo, Gallego ) sopratitolata, l’altra in siciliano.

Giovanni Calcagno dedicatosi inizialmente al teatro di strada si forma come attore presso il teatro del molo 2 diretto da Gioacchino Palumbo. Nelle sue esperienze di formazione, il Living Theatre, la scuola internazionale del cinema e del teatro di Ischia diretta da Mario Martone, il teatro de los sentidos. E’ interprete di film per Mario Martone, Marco Bellocchio (Buongiorno,Notte), Pasquale Scimeca,Michael Apted, Giulio Manfredonia (Si può fare) .In teatro con Vincenzo Pirrotta è interprete di Eumenidi, La Sagra del Signore della Nave, ‘U Ciclopu .

La Casa dei Santi nasce tra la Sicilia e Milano, come collettivo artistico eterogeneo per formazione e personalità. I linguaggi utilizzati (il teatro, la musica, la poesia, il cinema, il video ) sono testimoni della volontà di produrre una ricerca artistica che ha nella multidisciplinarità la sua caratteristica più evidente .

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com