Esteri

Caso marò: cade l’accusa di terrorismo

I due marò

L’emittente Cnn-Ibn afferma che l’estenuante caso dei due marò italiani Massimiliano Latorre e Salvatore Girone passa dalla Nia (la polizia antiterrorismo) alla Cbi, la Polizia criminale indiana.

Questa è sicuramente una buona notizia: ciò significa che la pena di morte può considerarsi un’ipotesi da escludere. La decisione sarebbe la conseguenza di un fitto scambio di messaggi e colloqui telefonici tra il nostro Premier Mario Monti ed il viceministro degli Esteri Staffan de Mistura da una parte, e il premier indiano Manmohan Singh ed il capo della diplomazia Indiana, Salman Khurshid, dall’altra.

Lo stesso Monti, attualmente impegnato nel G8 di Londra, ha poi aggiunto che l’India ha apprezzato l’atto di coerenza dell’Italia nel far rientrare in India stessa i militari italiani dopo che il nostro Governo ha ottenuto tutte le rassicurazioni necessarie in merito alla loro sorte.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com