CronacaPrimo Piano

Capitale Europea della Cultura” 2019, Palermo esclusa

Logo Palermo 2019

La giuria europea, presieduta da Steve Green e composta da membri italiani e stranieri, scelti e concordati con la Commissione Europea, al termine delle audizioni, quale momento conclusivo della valutazione intrapresa dopo il 20 settembre 2013, data ultima di consegna dei dossier di candidatura, ha annunciato la redazione di un testo di preselezione delle città che concorreranno all’ultima fase dell’Azione comunitaria “Capitale Europea della Cultura”.

Le città sono Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna e Siena. La giuria tornerà a riunirsi nell’ultimo trimestre del 2014, per valutare i progetti modificati delle città preselezionate, sulla base delle raccomandazioni che saranno formulate dalla giuria stessa.

“Vogliamo ringraziare tutti coloro che con straordinario entusiasmo hanno vissuto la candidatura e adesso vivranno la realizzazione di quello che per noi resta il Piano strategico per lo sviluppo della città.” Lo hanno dichiarato il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore Francesco Giambrone, aggiungendo di esser certi che “continuerà la partecipazione e l’impegno a superare criticità e promuovere crescita culturale ed economica di Palermo.”

“Così come avevamo annunciato, il nostro impegno per realizzare il progetto e i progetti legati a Palermo 2019 resta invariato anche dopo l’esclusione dalla lista delle città che proseguono il cammino per essere nominate Capitale Europea della Cultura 2019” – continua Orlando.

“Questo percorso cominciato tanto tempo fa ha visto la partecipazione attiva di centinaia di cittadini, comitati, associazioni che insieme hanno elaborato un progetto per lo sviluppo di Palermo. Quel percorso continuerà con quei cittadini e con tutti coloro che immaginano e vogliono realizzare una Palermo diversa, migliore e più vivibile.”

“Candidare Palermo a capitale europea della Cultura per il 2019 è stata un’ottima intuizione. C’erano tutti i presupposti. Bene ha fatto il sindaco Leoluca Orlando a coinvolgere nel progetto diverse istituzioni, comitati e associazioni. Adesso, nonostante Palermo non sia stata ammessa alla seconda fase, è fin troppo facile accusare e criticare. Sono convinto, invece, che non bisogna disperdere ciò che di buono è stato fatto e continuare, quindi, quel percorso avviato. Pertanto, confermo al sindaco Orlando la mia completa disponibilità a proseguire nella collaborazione intrapresa affinché Palermo possa diventare, nei fatti, una capitale europea della cultura”. Lo dichiara il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: