CronacaPrimo Piano

Cannatella: “Il porto di Palermo è in regola con gli standard internazionali di security”

In relazione alla nota diffusa da alcune sigle che fanno capo al personale operante presso gli Uffici dell’Agenzia delle Dogane, e contenenti richieste “paradossali” come l’eventuale sospensione dei collegamenti con Tunisi, l’Autorità portuale ritiene opportune alcune precisazioni, soprattutto per evitare allarme alla cittadinanza e danni economici e d’immagine al porto di Palermo che risulterebbe “non sicuro”.

Il porto di Palermo è dotato dei piani di security degli impianti portuali e delle aree comuni del porto, debitamente approvati dalla Prefettura. Quest’anno, inoltre, è stato approvato il “Piano Cristoforo Colombo”che, pianificando le misure di reazione ed eventuali atti terroristici, prevede un dispositivo di sicurezza portuale che può essere impiegato anche in relazione ad azioni preventive.

La nota pone in evidenza una mancanza di sicurezza del porto di Palermo legata a carenze infrastrutturali dei presidi di controllo doganale. Spiega il presidente dell’Autorità portuale, Vincenzo Cannatella: “Il porto di Palermo è in regola con gli standard internazionali di security e le strutture in atto esistenti sono in corso di potenziamento. L’Autorità portuale ha già disposto l’acquisto di due moduli abitativi prefabbricati, in cui potranno essere effettuati, con rispetto della privacy, i controlli doganali, ed eventualmente di polizia, dei passeggeri in sbarco/imbarco da/per Tunisi. Tali moduli verranno allocati in prossimità degli approdi delle navi Grandi Navi Veloci e Grimaldi Group che espletano, rispettivamente, una e due corse settimanali per Tunisi, e saranno dotati di metal detector e scanner per il controllo dei passeggeri e dei bagagli a mano. Gli strumenti saranno messi a disposizione dall’Autorità portuale che sta esaminando inoltre la possibilità di realizzare una copertura per rendere ancora più confortevoli i controlli degli addetti della Dogana, della Pubblica Sicurezza e della Guardia di Finanza, all’interno dell’area extra Schengen – in concessione al Gruppo Grimaldi e realizzata negli anni scorsi con oneri economici a carico dell’Autorità portuale di Palermo – dove vengono effettuati i controlli e il check-in dei passeggeri in partenza per la Tunisia”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: