CronacaPrimo Piano

Canile Municipale di Palermo, una reclusione trasformata in incubo!

Canile al collasso, sovraffollato, circa duecentoquaranta cani dei quali almeno cento pittbull in emergenza stallo, sono state adoperate le gabbie all’interno di uno dei due furgoni usati per l’accalappiamento o per la reintroduzione degli animali sul territorio ma ieri la vicenda paradossale raccontata da Giusy Caldo, operatrice del canile e volontaria:” I pittbull di solito necessitano di uno spazio riservato ed esclusivo,  in emergenza, quattro di loro hanno trovato posto all’interno delle gabbie di uno dei due furgoni, gabbie modulari a otto posti che per l’occasione erano state predisposte ed allargate al fine di consentire maggior benessere ai quattro zampe temporaneamente alloggiati. Oggi però esigenze di servizio, hanno richiesto l’uso di entrambi i furgoni della struttura. Così- continua l’operatrice – nonostante la nostra richiesta di poter usare un solo mezzo e non sottoporre i cani in stallo a nuovo stress”.

“ I quattro pittbull dentro il furgone hanno avuto l’amara sorpresa di vedere il loro spazio dimezzato per far posto ai cani da prelevare alla Fincantieri, hanno atteso l’accalappiamento sotto il sole e tornati al canile, sono ripartiti per la struttura di Casteldaccia dove andavano consegnati i cani precedentemente prelevati per poi tornare nuovamente al canile.”

“ Un viaggio tanto articolato quanto stressante, i pittbull troveranno presto spazio fuori dal furgone, ma altri ne arriveranno presto in quella che sembra essere una vera emorragia che il canile argina di giorno in giorno con maggiore difficoltà; io continuerò a battermi con forza perché il benessere di questi animali già feriti dalla detenzione, non sia aggravato da simili episodi che si spera non debbano mai più ripetersi”, afferma e termina Giusy Caldo.

Ancora una volta riflettori accessi sul Canile di Palermo dove già lo scorso anno casi di leptospirosi e tosse canina, hanno causato la chiusura sanitaria della struttura per parecchi giorni,dove spesso è lamentata la tardiva raccolta dei rifiuti.

In una città dove gli abbandoni si moltiplicano di giorno in giorno, dove il pittbull, razza più “di moda”, ma anche maggiormente sottoposta a sequestri in seguito a combattimenti e sevizie da parte dell’uomo, è evidente che la struttura non sia più idonea ad assicurare il benessere che merita un animale già tradito!

Pittbull e molossoidi in genere che per motivi di sicurezza verso gli altri animali, una volta ricoverati richiedono uno spazio riservato, non possono e non devono mai più trovare alloggio, seppur eccezionalmente all’interno di un furgone.

Massimo Brizzi 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: