CronacaPrimo Piano

Brancaccio, allaccio abusivo energia: arrestati i gestori del Bar Macao

Nell’ambito dei controlli eseguiti dai Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo, tesi al contrasto dei furti di energia elettrica irregolari, nello specifico, nel pomeriggio di ieri i militari del Nucleo Radiomobile sono intervenuti nel quartiere di “Brancaccio” dove hanno arrestato i titolari dell’attività commerciale denominata ”Bar Macao”.

I due trasgressori sono marito e moglie, S.A. di 49 anni e M.L. di 42 anni, responsabili in concorso del reato di furto aggravato, perché al fine di trarne profitto, si impossessavano illecitamente di energia elettrica, mediante allaccio abusivo diretto alla linea elettrica di distribuzione generale della società dell’ENEL, con l’aggravante della violenza sulle cose, nella specie il danneggiamento del cavo portante della società erogatrice, dove veniva eseguito l’allaccio diretto.

L’attività in questione è denominata: “Bar Macao” Rosticceria – Pasticceria – Gelateria, ricadente in via Sperone nr. 178, gestita dai due coniugi, volti noti alle forze dell’ordine.

I Carabinieri, da un accertamento preliminare, staccando il misuratore di energia, notavano che un pozzetto congelatore e due frigoriferi rimanevano accesi nonostante fosse stata interrotta l’erogazione di energia.

Pertanto, veniva richiesto l’immediato intervento sul luogo, di personale specializzato dell’Enel, che, dopo aver ripetuto l’operazione di interruzione del contatore posto all’interno dell’attività commerciale, si accertava la presenza di diversi utilizzatori che rimanevano alimentati e funzionanti.

All’interno di un locale posto al piano terra anche questo in uso all’attività commerciale come deposito, si rinveniva una cella frigorifero di grandi dimensioni e due congelatori a pozzetto, risultati alimentati tramite il collegamento abusivo alla rete, collegato all’interno di un vano scala in una nicchia porta contatori.

Il collegamento illecito, consisteva in due conduttori della sezione di 6 mmq. Collegati su impianti della società ENEL, pertanto si procedeva al distacco del collegamento abusivo e della fornitura mediante la rimozione del contatore ed il distacco della presa di alimentazione, sottoposta a sequestro.

L’ammontare del danno arrecato alla società erogatrice è pari a 5000 €.

Per i motivi sopra descritti, i due commercianti, condotti in Caserma, sono stati dichiarati in arresto per furto aggravato di energia elettrica. Su disposizione della competente Autorità Giudiziaria i due trasgressori sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari, in attesa di essere giudicati con rito direttissimo, previsto nella giornata di domani 08 c.m..

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: