Arte e CulturaPrimo Piano

BENI CULTURALI: CONVEGNO SU SEBASTIANO TUSA

L’ASSESSORE SAMONÁ AL CONVEGNO SU SEBASTIANO TUSA:
“ONORIAMO LA SUA MEMORIA PORTANDO AVANTI UN MODELLO DI SVILUPPO
CHE PARTA DAI BENI CULTURALI”

Convegno dei BENI CULTURALI.

Palermo, 4 novembre 2021 – “Il miglior modo per rendere onore a Sebastiano Tusa è amare i beni culturali e programmare – come stiamo facendo – l’azione di governo alla loro piena valorizzazione, ad una visione che li ponga al centro di un nuovo modello di sviluppo per la Sicilia, nel quale il nostro immenso patrimonio e la politica culturale fatta di quotidianità e di scelte, siano intimamente interconnessi. Tutto questo genera progettualità che si traduce in concrete azioni, destinate a lasciare il segno”.

Lo ha detto questa mattina l’Assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà, aprendo, con un video messaggio, i lavori del convegno “Percorsi di archeologia nella Sicilia occidentale. Sebastiano Tusa in memoriam (1952-2019)”, in corso al Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas.
“La vita di Sebastiano Tusa – ha sottolineato l’assessore Samonà – è stata talmente ricca di avvenimenti, scoperte, incarichi, lavori, ricerche e studi, che rischiano di passare in secondo piano quelle personali virtù che lo hanno contraddistinto. Ricordarlo non è facile, poiché la sua è stata una perdita immensa, come immensa è la sua eredità, non solo culturale, ma anche spirituale e umana: un intellettuale raffinato e uno studioso di caratura internazionale, amato per il suo tratto umano socievole e schietto”.

L’ASSESSORE SAMONÁ AL CONVEGNO SU SEBASTIANO TUSA

“A lui mi lega – ha aggiunto l’assessore Samonà – la condivisione di una politica culturale orientata verso una stagione di profondo rinnovamento nel modo di intendere e vivere il patrimonio culturale. Un nuovo corso, caratterizzato, per entrambi, da instancabili pellegrinaggi attraverso la nostra Terra per avere contezza della condizione dei nostri beni culturali e per trasmettere fino in fondo il senso di responsabilità nella loro gestione. Per Sebastiano l’acqua è quella del Mediterraneo, dei suoi mari che frequentò come primo Soprintendente del Mare della Regione Siciliana. E non è un caso che il rapporto con il mare ha da sempre stimolato il suo pensiero, riuscendo a oltrepassare la tradizionale lettura storico-archeologica della Battaglia delle Egadi del 10 marzo del 241 a.C.”.

L’ASSESSORE SAMONÁ AL CONVEGNO SU SEBASTIANO TUSA

“Ci vuole un grande amore e totale dedizione per riuscire a comprendere il valore della nostra storia e dei beni culturali che la Sicilia possiede. E Sebastiano aveva entrambi. È stato proprio questo suo amore a contraddistinguere, sin dagli inizi la sua carriera nell’amministrazione regionale, riuscendo con grande impegno a realizzare anche il progetto di censire tutte le evidenze storico archeologiche dei mari di Sicilia restituendo una visione unitaria della storia del Mediterraneo. Quella di Sebastiano Tusa – ha terminato l’assessore Samonà – è stata certamente una perdita immensa, ma altrettanto immensa è la sua eredità, caratterizzata dal convincimento che la Sicilia non è un’Isola irredimibile ma che la sua sorte dipende dall’amore e dall’impegno di chi la governa e ne assume su di sé la responsabilità”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button