CronacaPrimo Piano

Banche. Dopo aver depredato la Sicilia poi la abbandonano, adesso tocca a Carige

La Sicilia sedotta e poi abbandonata, e la storia si ripete.

La Sicilia sedotta e poi abbandonata, l’isola è stata da sempre terra di conquista, e le banche ne sono un esempio recente, la storia insegna, prima depredano il territorio, con quel che gli riesce meglio, il drenaggio di liquidità,  e poi lo abbandonano il territorio stesso senza mezzi termini.
Assistiamo in Sicilia ad una moria di filiali , i gruppi bancari hanno aperto le ostilità con una raffica di chiusura sportelli e accorpamenti e adesso è il turno di Banca Carige, così apprendiamo da fonti sindacali, infatti Carige ha intenzione di mettere in chiusura le filiali di Siracusa e Ragusa oltre a quelle di Terrasini, Messina e Palermo, generando 800 esuberi e determinando inevitabilmente la mobilità dei lavoratori, a questo punto è improrogabile che il governo regionale intervenga a tutela della comunità siciliana, dei livelli occupazionali e della funzione sociale che le banche devono avere sul territorio.

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button