Scuola & Università

Banca del cordone in Sicilia. “Ventimila donne truffate”

“Qualcuno dovrà chiedere scusa a ventimila donatrici siciliane. Ventimila donne, ingannate da un drappello di impostori, che hanno donato il cordone e che ora scoprono come le cattive condizioni di conservazione abbiano reso vano il loro gesto”. E’ l’amaro commento del presidente della commissione sanità, Pippo Digiacomo al termine dell’audizione del commissario straordinario dell’ASP e dei rappresentanti della banca del sangue cordonale di Sciacca.

“Le unità cordonali – spiega Digiacomo – dovrebbero essere conservate secondo standard qualitativi che consentano il loro impiego a livello internazionale. Questo purtroppo non è avvenuto e ora dopo un sopralluogo degli ispettori del centro nazionale sangue, sarà necessario passare alla distruzione delle sacche.

Sono molto amareggiato – conclude il parlamentare PD – è necessario far ripartire la banca cordonale di Sciacca, una delle 19 presenti in Italia, con un attenzione diversa che metta al primo posto, non lo spreco di denaro pubblico, ma la sicurezza e la qualità, affinché il gesto altruista delle donatrici non sia vano e nessun rischio incida sulla salute dei riceventi”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com