CronacaPrimo Piano

Bagheria, La Polizia di Stato salva un anziano colpito da infarto. Gli applausi dei cittadini

BAGHERIA: LA BRAVURA ED IL TEMPESTIVO INTERVENTO DEI POLIZIOTTI SALVANO LA VITA AD UN CITTADINO BAGHERESE COLPITO DA INFARTO.

 

 

Il tempestivo intervento di una pattuglia della Polizia di Stato e la loro preparazione salvano la vita ad un uomo di 80 anni colpito da infarto mentre si trovava per strada.

Nei giorni scorsi gli Agenti della Polizia di Stato, in servizio presso il Commissariato di P.S.Bagheria, durante  il controllo del territorio, giunti in Corso Butera  hanno scorto  un nugolo di  gente   che attorniavano una persona a terra esanime,  con accanto due uomini che tentavano di soccorrerlo.

Prontamente gli Agenti dopo aver allertato la Sala Operativa per l’invio di un’ambulanza, ed aver fatto allontanare la folla di curiosi  prendevano in mano la situazione, apprendendo dai due uomini, di cui uno infermiere,  che molto probabilmente l’uomo aveva avuto in infarto e che nonostante le ripeture manovre di rianimazione attuate non si rilevava presenza nè di respirazione  nè di battito cardiaco..

A quel punto uno dei due agenti dava il cambio all’uomo già molto stanco e provato,  ed iniziava a praticare la manovra del massaggio cardiaco, che protaeva  per circa 20 minuti fino all’arrivo dei sanitari del 118, che grazie anche al defibrillatore, riuscivano a stabilizzare l’anziona vittima.

Il massaggio cardiaco praticato dall’agente dava i suoi frutti  infatti la circolazione iniziava a ripartire, tanto che l’uomo iniziava a respirare. Nel frattempo l’altro poliziotto adagiava la testa del malcapitato in posizione di sicurezza ruotandola e facendogli poggiare la guancia sinistra sul suolo, riuscendo cosi a liberare le vie respiratorio.

Il tutto si concludeva con gli applausi della folla presente all’indirizzo degli Agenti della Polizia di Stato.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button