CronacaPrimo Piano

Arrestato il latitante Massimiliano Arena

Massimiliano Arena, figlio del super ricercato Giovanni che per 17 anni riuscì a sfuggire alla cattura, è da ieri in una cella del carcere di piazza Lanza.  I carabinieri  hanno scovato il 31enne in un nascondiglio che era stato ricavato in una intercapedine di un appartamento in ristrutturazione nel quartiere di Librino, nel viale San Teodoro. La zona era la stessa di papà Giovanni vicino al palazzo di cemento, roccaforte fino a qualche anno fa dello spaccio di cocaina e marijuna.

Già sorvegliato speciale, Massimiliano Arena,  era ricercato dallo scorso 31 marzo quando la Procura generale ha emesso un’ordinanza di carcerazione per una pena definitiva di 5 anni e 5 giorni per rapina in concorso. Si tratta di un colpo messo a segno il 12 febbraio 2007 a Misterbianco in un ingrosso cinese di pelletteria. Il 31 enne fece irruzione nel negozio con due complici, armati di fucile. Appena entrati spararono immediatamente colpendo un neon a soffitto: tanta paura all’interno dell’esercizio commerciale. Il bottino fu di circa 1300 euro.

Una famiglia che non ha bisogno di presentazioni quella degli Arena di Librino. Dal padre boss passando dalla moglie fino ai figli: tutti hanno dei conti da pagare con la giustizia.Un dettaglio che fa comprendere come la famiglia Arena faccia scudo di protezione intorno a sè: basti pensare che Giovanni Arena era riuscito a mimetizzarsi tra i vialoni di Librino per quasi un ventennio. Ai nipoti aveva detto per anni: “Chiamatemi zio e non nonno”. Uno stratagemma che aveva funzionato fino a quando in una intercettazione gli investigatori sentono in sottofondo la voce di Arena.

Cristina Monti

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: