Politica

Anci: Bianco, “Comuni non sono gabellieri dello Stato”

“I Comuni non posso diventare i gabellieri dello stato, coloro che raccolgono le tasse per conto dello stato senza poter più offrire i servizi adeguati ai cittadini”. Questo il pensiero espresso da Enzo Bianco nel corso dell’Assemblea straordinaria dell’Anci, convocata per protestare contro i contenuti della Finanziaria che rischia di non garantire sufficienti risorse economiche ai Comuni, mettendo così a rischio la loro funzione istituzionale, l’autonomia politica e la stabilità economico-sociale.

“C’è da rivedere profondamente – ha detto Bianco, che ieri era stato ricevuto, in una delegazione ristretta, dal Presidente Napolitano per illustrare i temi della manifestazione di oggi – il sistema fiscale tra Autonomie locali e Stato centrale. E soprattutto c’è un bisogno assoluto che i Comuni, oggi sottoposti a inutili e stringenti controlli che minano la loro capacità di scelta, recuperino la loro autonomia”.

A unire la propria voce a quella dei sindaci “per richiamare l’attenzione dell’Esecutivo e del Parlamento sul disagio quotidianamente vissuto dalle amministrazioni locali che subiscono continui tagli dei gettiti, come con l’applicazione della Mini Imu e l’introduzione della Tasi” è stata una delegazione del Consiglio comunale di Catania guidata dalla presidente Francesca Raciti e formata dal capo del gruppo “Con Bianco per Catania” Alessandro Porto per la maggioranza, e dal capo del gruppo “Forza Italia” Manlio Messina, per la minoranza. E’ stato inoltre sottolineato il dovere dello Stato di rimborsare i Comuni per le spese sostenute per suo conto e che è “indispensabile rimodulare le risorse da destinare agli enti locali, erogatori di servizi fondamentali per la collettività”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button