Politica

Alongi (Pdl): “Il Pdl deve umanizzarsi. Dobbiamo tornare tra la gente”

Pietro Alongi (Pdl) Foto di Alessandro Marsala.

Stamattina, in via Principe di Villafranca 85, a Palermo è stato inaugurato il nuovo comitato elettorale del candidato del Popolo delle Libertà Pietro Alongi per le prossime amministrative regionali.

A sostenerlo il senatore e coordinatore provinciale del Pdl Simona Vicari: “Dobbiamo rivendicare con forza la nostra presenza nel territorio. Invito tutti quelli che abbiano passione per la politica, soprattutto giovani e donne, ad esserci e stare accanto a noi. Noi del Pdl abbiamo riconosciuto i nostri errori. Adesso è necessario ricompattarci tutti per promuovere una politica seria che faccia risorgere la Sicilia, vista dal Parlamento come la Regione peggiore. Io sono sicura che Pietro riuscirà a vincere questa battaglia.”

Per Alongi la politica del Pdl deve umanizzarsi e capire la sofferenza che vive questa terra: “Bisogna riaffermare i vecchi principi, i valori di libertà che hanno caratterizzato il nostro partito. Bisogna avere una storia da raccontare, la nostra dura da 30 anni. I nostri figli non devono più subire il ricatto della politica. La politica è una cosa sana, seria e pulita ed è giusto che la facciano tutti. Dobbiamo costruire una nuova classe dirigente che faccia politica all’antica.”

Alongi fa anche dell’autocritica: “È importante che il Pdl ritorni tra la gente, che faccia sentire la sua presenza nel territorio, un errore che negli ultimi anni è stato commesso. È ora di dire addio ad un certa politica, quella di Raffaele Lombardo che ha devastato la nostra regione. Noi crediamo in Nello Musumeci, un uomo di grande personalità, legalità e portatore di tradizioni e valori a cui dobbiamo guardare. La Regione Sicilia non potrà fare a meno di lui. Nelle nostre liste ci saranno solo politici estranei all’illegalità. Lottiamo affinchè i nostri figli possano ricominciare a sognare”.

Alessandro Marsala

Articoli Correlati

4 Commenti

  1. bd 635 camionista minacciatore in strada, petroniani sempre più sfacciati simulatori di reato in strada e importunatori, ingiuriatori,con cellulari e passaparola calunniosi circonvenzioninatori e pregiudicati ha detto:

    Questo Pietro Alongi è un vero bluff, finto paladino della giustizia che però ha fottuto a quattro palmenti soldi ovunque, si attacca come la colla e non molla lo sventurato finché non lo distrugge o lo importuna, per fare carriera farebbe di tutto. E’ uno scorpione fate attenzione leccaculo di vocazione, ma molto volgare c’è chi dice che non paghi nemmeno le tasse. Da confidenza a pregiudicati e loschi figuri tristi….triste figura lui stesso una mignatta succhia sangue…

  2. Questo signore parla tanto di democrazia e poi cerca di mandare in galera la gente che lo ostacola nelle sue pazzie ambiziose, nelle sue manie di potere . Fa querele assurde o cerca di cagionare agli altri guai giudiziari, per vendetta. E’ sfaccatamente minaccioso, prepotente ed estorsore. Non gli date audizione. E’ in cerca di una carica politica e farebbe di tutto per tornare al comando, di cosa se lo sa lui. Di solito fa ostracismi e bullismi e si serve di altre persone per farlo. Non si ferma davanti a nulla per la brama di potere. non lo vota nessuno più, mandiamolo a casa per sempre. E’ la spina nel fianco per molti, con cui ha avuto diversi guai giuridici a sua volta. Andate a ritroso.

  3. Avete ragione. Ma tornare tra la gente? Voi tornare tra la gente? Tsk tsk non avete capito. Voi ormai siete bruciati avete rubato, avete sprecato, avete lasciato correre leggi ingiuste che lasciavano spiragli per le truffe. Non potete più tornare ma dovete dare spazio a gente nuova, gente incazzata, con pugno duro, gente che mai e mai tradirebbe il paese. Gente tosta……povera. perché il potere non va in mano a chi è troppo ricco, è in se un conflitto di interessi se possiedi banche, società, titoli, non puoi governare il paese……mi dispiace ma è necessaria una rivoluzione politica nel senso cambiamento totale del economia e della società siamo nel 2013…….

    Romano mandozzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button