PoliticaPrimo Piano

Al via l’Itinerarium Rosaliae, alla scoperta dei luoghi dove ha vissuto Santa Rosalia

Sarà presentato venerdì 4 aprile alle 9.30 presso la Grotta di Santa Rosalia di Montepellegrino, il progetto “Itinerarium Rosaliae”.

Un cammino religioso e naturalistico di collegamento tra il Santuario di Santa Rosalia di Montepellegrino e l’Eremo di Santo Stefano di Quisquina, alla scoperta dei luoghi in cui ha vissuto e si è rifugiata la Santa palermitana.

Il progetto, redatto dal Dipartimento dello Sviluppo Rurale e Territoriale è stato finanziato con la misura 227 del PSR Sicilia 2007-2013 “Investimenti per il miglioramento, la valorizzazione e il recupero di ecosistemi forestali e investimenti per la realizzazione di strutture e di infrastrutture volte a incrementare la fruizione turistico-ricreativa e didattica del bosco”, per un importo complessivo pari ad euro 670.715,81.

L’obiettivo del progetto, che prende spunto dalla rinascita dei percorsi religiosi che in varie parti d’Europa sono divenuti mete turistiche, è quello di costruire, anche in Sicilia, un percorso devozionale inteso come “fuga” dal cemento, dallo smog dei centri urbani, dalla quotidianità vissuta in fretta per un’immersione totale nella natura.

Il percorso, ricostruito attraverso una meticolosa ricognizione storica e cartografica, interesserà le due province di Palermo e Agrigento. Un itinerario che attraversa 7 Riserve Naturali (“Monte Cammarata”, “Monte Carcaci”, “Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio”, “Monte Genoardo e Santa Maria del Bosco”, “Bosco della Ficuzza, Rocca Busambra, Bosco del Cappelliere, Gorgo del Drago”, “Serre della Pizzuta”, “Monte Pellegrino”) e 14 Comuni per un totale di oltre 160 Km.

In particolare sono stati messi in evidenza due tracciati: il cammino di Santa Rosalia, che collega l’Eremo della Quisquina con il Santuario di Santa Rosalia su Monte Pellegrino, e la via della Fuga che va dal Palazzo Reale di Palermo a Bivona.

In considerazione del fatto che il percorso è stato progettato per essere effettuato sostanzialmente a piedi, gli interventi riguarderanno sostanzialmente: la segnaletica, la ripulitura, la messa in sicurezza, la realizzazione di passerelle e ponticelli, l’apposizione di capannine con cartografia del percorso.

Itinerarium Rosaliae si propone, con la realizzazione del percorso naturalistico-religioso, di offrire una nuova opportunità di fruizione del territorio collegando aspetti storici, naturalistici e sociali. Al tempo stesso il progetto rappresenterà l’asse portante per l’avvio di ulteriori iniziative per l’ospitalità rurale (agriturismi e B&B) e la valorizzazione dei prodotti agroalimentari Born in Sicily.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: