CronacaPrimo Piano

Aggredito autista AMAT a Palermo: Gelarda “solidarietà”

Autista Amat aggredito su Palermo - Monreale Gelarda: (Lega) solidarietà. Subito vigilantes e raddoppio bus

Autista Amat aggredito su Palermo – Monreale.  Igor Gelarda: (Lega) solidarietà. Subito vigilantes e raddoppio bus

Ancora sgradevoli vicende colpiscono i lavoratori dei servizi pubblici.

Proprio ieri, a Palermo,  un autista in servizio sulla linea 389 AMAT che serve e percorre il tragitto da Palermo a Monreale, è stato aggredito da alcuni passeggeri.  Il bus oltremodo pieno di utenti, ha esasperato gli animi, insieme alle limitazioni imposte dal covid.
Circola in rete, sui social in particolar modo,  un video in cui si vedono immagini di un autista dell’amat che viene aggredito da due persone che cercano di picchiarlo minacciandolo e offendendolo ripetutamente.

Immediata la reazione del capogruppo della Lega a Palermo Igor Gelarda che dichiara:<<sono scene che a Palermo purtroppo abbiano già visto, ma che non vorremmo mai più vedere;

Zisa patrimonio dell'Unesco. Un percorso tra strade al buio e rifiuti

come incredibile è il fatto che vi sia una sola vettura per la linea 389 che collega Palermo con Monreale, una delle mete turistiche italiane importanti. Ciò è frutto di tagli al trasporto pubblico che ha penalizzato e penalizza anche economicamente la nostra città. Solidarietà dunque all’autista che è stato aggredito, che abbiamo appreso presti servizio con onore da oltre 35 anni alla Amat, mentre speriamo che gli autori dell’aggressione vengano individuati al più presto e denunciati.

Chiediamo all’azienda palermitana di trasporto pubblico di raddoppiare immediatamente il numero dei bus per la linea 389 e di inserire anche dei vigilantes, non solo per la sicurezza degli autisti, ma anche per quella dei passeggeri, viste le segnalazioni che affermano che la stessa linea è “frequentata” da  borseggiatori che “operano” molto spesso, al fine di tutelare, oltre che i nostri cittadini,  l’abbondante presenza di turisti.>>

Articoli Correlati

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button