Cronaca

Acque potabili siciliane: accordo Comune, Regione e Prefettura

“Un consorzio fra i Comuni dell’Ambito, 52 in tutto, con capofila il Comune di Palermo. E’ questa la soluzione che tutelerà i 206 lavoratori di Acque potabili siciliane e garantirà nello stesso il servizio idrico alle famiglie”.

Lo dice Maurizio Terrani, segretario della Uiltec Palermo, commentando così la decisione su Aps, concordata stamane da Comune, Regione e Prefettura.

E Terrani aggiunge: “I fondi per avviare questo progetto, così come garantito dal Governo regionale, saranno inseriti nella Finanziaria. E’ di certo un passo importante rispetto al vecchio progetto che prevedeva invece l’ipotesi di passaggio di Aps all’Eas, ente pieno di debiti. La Uiltec, sin dall’inizio impegnata nella risoluzione di questa vertenza, esprime soddisfazione e disponibilità al confronto con Comune, Regione e Prefettura per garantire il prima possibile il futuro ai lavoratori e il servizio ai cittadini. Subito dopo l’approvazione della manovra economica riprenderemo il confronto ai vari livelli istituzionali”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Non so che cosa succederà ed in che termini questo consorzio di Comuni potrà guidare le forniture idriche ai 52 Comuni interessati, di certo verranno tutelati i posti di lavoro che, di questi tempi, è già un successo, ma qui scendono in campo fattori logistici ed organizzativi non indifferenti. La guida del Comune di Palermo (…e qualcosa mi dice che sarà indirettamente l’AMAP a farlo….) sarà certamente una garanzia, ma credo sia importante capire chi tirerà fuori i soldini…. ma sopratutto quanto. … vedremo …. vedremo…!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: