Primo Piano

Dubbi sulle cause della morte del piccolo Andrea Mirabile – Vacilla l’ipotesi dell’intossicazione alimentare

A Palermo lutto cittadino per i funerali

A Palermo, palazzi comunali con bandiere a mezz’asta per lutto cittadino disposto domani, sabato 16 luglio, per i  funerali del piccolo Andrea Mirabile, che si svolgeranno  alle ore 10,00 nella chiesa di San Basilio.

Ancora non chiare le cause della morte del bimbo avvenuta il 4 luglio durante una vacanza con la sua famiglia a Sharm el-Sheikh. In prima istanza si era parlato di intossicazione alimentare, ma i magistrati ritengono che  le cause della morte di Andrea e del grave malore del padre possano essere altre, tesi sostenuta anche  dai medici egiziani che hanno tentato di curare Andrea.

Nessun altro ospite del resort  Sultan Garden in Egitto ha infatti accusato gli stessi sintomi. Né il piccolo, né i suoi familiari, che pure sono stati male, avrebbero avuto dissenteria, tipica manifestazione dell’intossicazione. Al padre, poi, al ricovero a Palermo dopo il trasferimento dall’Egitto, sono state diagnosticate una insufficienza renale e una infezione alle vie urinarie e non problemi intestinali.

Neanche le due autopsie eseguite sul corpo del bambino, sia quella fatta a Sharm in Egitto, i cui esiti non saranno disponibili prima di un mese forse due, né quella disposta dalle autorità italiana, effettuata a Palermo, hanno sciolto gli interrogativi su quanto effettivamente accaduto. Per conoscerne i risultati si dovrà aspettare infatti gli esiti degli esami sui campioni degli organi prelevati.

Importante nei prossimi giorni la testimonianza dei genitori di Andrea  ai quali spetterà   raccontare minuziosamente quanto fatto in quei giorni, i luoghi visitati, le persone incontrate,  in quanto ogni ricordo anche minimo può essere importante per tracciare un quadro chiaro soprattutto alla luce del sospetto che la causa del decesso non sia appunto una intossicazione.

 

Caterina Guercio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button