LavoroPrimo Piano

A Palermo la protesta a Piazza Indipendenza di commercianti, ristoratori, parrucchieri

Chiusi per colpa della zona rossa e sempre più esasperati dai continui cambi di colore. Scatta così la protesta questa mattina dei commercianti davanti alla presidente della Regione in piazza Indipendenza a Palermo.

Sotto il Palazzo si sono concentrate diverse categorie produttive, tra cui i barbieri, parrucchieri, i titolari di centri benessere e i ristoratori. Un coro unanime di protesta e di richieste di aiuto.

Dopo oltre un anno di emergenza sanitaria chiedono la riapertura delle attività e ristori adeguati ai danni subiti dalle chiusure.

Il commerciante Giuseppe Trapani titolare dei negozi di abbigliamento Luan oggi alla manifestazione spiega: “Siamo tutti riuniti noi poveri commercianti, artigiani, insieme perché siamo stanchi, siamo arrivati alla fine, le nostre risorse sono finite da un pezzo.

Lo stato avrà sicuramente le sue ragioni per quanto riguarda il diritto della salute per tutti , però ci sono delle logiche che non funzionano ,del tipo zona rossa ,ma la gente è ovunque in giro per la città.

La zona rossa è solo per noi negozianti? Non è per tutte le categorie , è in ammissibile , io che ho un negozio di abbigliamento  debba stare chiuso , mentre altri devono stare aperti. Spiegateci quale è la differenza , il virus non infetta le altre categorie?

Il virus gira solo per noi e per i ristoratori e i parrucchieri e i centri estetici?

Siamo stanchi qualcuno ci spieghi la differenza”.

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button