CronacaPrimo Piano

A Palermo il malaffare continua a fare affari e l’Operazione Pandora lo dimostra

La Lega Palermo al Governo: "più risorse umane e strumenti per il contrasto alle mafie"

Operazione Pandora. Lega: “Palermo capitale spaccio. Dallo Stato subito più uomini e strumenti per la lotta crimine.”

 

A Palermo il malaffare continua a fare affari e l’Operazione Pandora lo dimostra. La Lega al Governo: “più risorse umane”

 

“Le recenti indagini condotte dalle Forze dell’ordine e dalla Procura confermano che Palermo è, se non la capitale, una delle capitali dello spaccio e dei traffici nazionali ed internazionali di sostanze stupefacenti- dichiarano i consiglieri del gruppo della Lega di Palermo Igor Gelarda, Sabrina Figuccia, Marianna Caronia, Roberta Cancilla e Alessandro Anello.
L’encomiabile lavoro della Magistratura, dei Carabinieri, della Polizia e della Guardia di Finanza ha dato in queste ultime settimane un duro colpo alle strutture criminali con decine di arresti. Le indagini evidenziano però come il giro d’affari di queste attività criminali sia di decine di milioni e continui ad essere al centro degli interessi di Cosa Nostra, che ne trae enormi profitti e tramite il quale controlla capillarmente il territorio. Se la mafia non è più quella stragista di una volta, questo non vuol dire che non sia forte, presente e radicata.
Per contrastare efficacemente questo giro criminale, che devasta vite e famiglie e condiziona l’economia, occorre che lo Stato investa in maggiori risorse per gli apparati di indagine e repressivi: servono più uomini e donne impegnati nelle indagini e nel controllo del territorio, servono più strumenti operativi per tutti.
Come Lega facciamo quindi appello al Governo nazionale perché su questo fronte non si facciano tagli, ma anzi si trovino già da subito nuove risorse da destinare al contrato alla criminalità organizzata nella nostra città.- concludono i cinque consiglieri della Lega “

Le indagini e gli arresti che questa mattina i Carabinieri hanno messo a segno.

Una grande operazione contro il traffico di sostanze stupefacenti

Nella mattinata odierna i Carabinieri di Palermo hanno dato esecuzione a 31 provvedimenti cautelari (8 in carcere e 23 agli arresti domiciliari) emessi dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Palermo sulla base delle risultanze investigative emerse nel corso dell’indagine preliminare diretta dalla Sezione ‘Palermo’, coordinata dal Procuratore Aggiunto Salvatore DE LUCA, della Direzione Distrettuale Antimafia della locale Procura, per le ipotesi di reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine, condotta dai militari della Compagnia di Palermo San Lorenzo tra il 2019 e il 2020, ha consentito di acquisire un grave quadro indiziario che è stato sostanzialmente accolto nel provvedimento cautelare, in cui si contesta l’esistenza di tre associazioni criminali, strettamente interconnesse, dedite al traffico di sostanze stupefacenti, che si sarebbero rifornite nel quartiere Ballarò per poi smerciare le sostanze stupefacenti principalmente nelle zone di Partanna Mondello, Borgo Nuovo e San Giovanni Apostolo (ex C.E.P.), con ramificazioni anche nei quartieri più centrali della città.

 

Secondo l’ipotesi accusatoria, le tre compagini avrebbero utilizzato i rispettivi appartamenti per effettuare le cessioni al dettaglio, nonché pusher per estendere l’illecita attività di vendita anche su piazza. Un gruppo avrebbe anche adottato un metodo itinerante di contatto e vendita all’ingrosso sull’intero territorio palermitano, in particolare nel centro città, nonché in favore di spacciatori provenienti da altre province. I tre sodalizi sarebbero strettamente legati tra di loro da reciproci rapporti di fornitura e collaborazione, soprattutto nei momenti di maggiore difficoltà nell’approvvigionamento della sostanza stupefacente, così da assicurare sempre l’operatività delle compagini.

 

Sempre secondo le contestazioni mosse nell’ordinanza cautelare:

–       gli indagati avrebbero avuto a disposizione magazzini, appartamenti ed esercizi commerciali per riunioni nel corso delle quali decidere le strategie dell’organizzazione, nonché per lo stoccaggio e lavorazione dello stupefacente. In particolare, in una macelleria riconducibile ad uno degli arrestati, anche tramite i macchinari utilizzati nella quotidianità per la lavorazione e il commercio dei prodotti di origine animale, sarebbero state smistate grosse quantità di droga;

–       il giro d’affari è presuntivamente stimabile in circa 500.000 euro su base annua.

 

Nel corso dell’attività sono già state arrestate in flagranza di reato 13 persone e segnalate alla locale Prefettura, quali acquirenti, 6 soggetti nonché sequestrati circa 12 kg di stupefacente e circa 2.000 euro in contanti.

 

L’operazione di oggi conferma, anche se nella fase cautelare delle indagini preliminari, la fortissima pervasività del fenomeno dello spaccio di stupefacenti in diverse aree di questo capoluogo regionale, a cui i Carabinieri contrappongono una incessante e concreta attività di contrasto che si articola su diverse direttrici di intervento:

–       azione preventiva svolta con il controllo del territorio di Stazioni e Nuclei Radiomobili;

–       opera informativa per la capillare diffusione della cultura della legalità con lo svolgimento di numerosi cicli di conferenze ai ragazzi e di incontri in aree ‘critiche’ da parte di Ufficiali e Sottufficiali;

–       manovra repressiva, ideata sulla base della profonda conoscenza del territorio da parte delle Compagnie e posta poi in essere attraverso continue indagini, coordinate dall’A.G., da tutti i reparti investigativi operanti nella provincia di Palermo.

 

Si evidenza come solo negli ultimi 35 giorni siano state eseguite, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, le seguenti attività per reati connessi agli stupefacenti nei seguenti quartieri di Palermo:

–       2 novembre, Sperone: 58 misure;

–       23 novembre, Vucciria: 11 misure;

–       30 novembre, Passo di Rigano: 12 misure;

–       6 dicembre, Partanna Mondello, Borgo Nuovo e San Giovanni Apostolo (ex C.E.P.), i cui rifornimenti partivano da Ballarò: 31 misure.

Le persone che, nel complesso, sono state destinatarie di misura cautelare sono state ben 112.

 

Nel corso delle citate attività investigative, inoltre, erano già state:

–       arrestate in flagranza di reato: 62 persone;

–       denunciate in stato di libertà: 32 persone;

–       sequestrate le seguenti quantità di stupefacenti: 16 chilogrammi e 500 dosi;

–       recuperate le seguenti somme in contanti, ritenute provento di spaccio: 8.000 euro;

–       segnalate alla locale Prefettura, quali acquirenti, 107 persone.

 

L’illecito giro d’affari, su base annua, è stimato in complessivi 3 milioni di euro circa.

Articoli Correlati

5 Commenti

  1. Giacy bocca di fogna e maullixio...e simile losche soggette...industria..simulano reato e fanno bullismi...Petronilli...E parolacce ha detto:

    Ti e fansato fuori

  2. petronillo politico corrotto molesta vicchy e le circonvenziona le mail per estorcele cariche politiche ( mafia e corruzione) ha detto:

    la mafia politica esisterà sempre.

  3. la mafia è una piaga molto estesa a carini e capaci, si infiltra nel tessuto dei commercianti e si approfitta degli indifesi cattiva gente e uomini di malaffare fate attenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button